Un rapporto denuncia il pagamento eccessivamente centralizzato dei fondi del Recovery Fund europeo – EURACTIV.fr

Un rapporto denuncia il pagamento eccessivamente centralizzato dei fondi del Recovery Fund europeo – EURACTIV.fr

La distribuzione dei fondi del Recovery Fund all’interno di ogni Stato membro soffre di una forte centralizzazione e verticalizzazione, come denunciano molti enti locali e regionali, condannando la cattiva gestione da parte dell’esecutivo europeo.

Secondo la relazione annuale sullo stato delle città e delle regioni europee pubblicata lunedì (9 ottobre) dal Comitato delle Regioni, molte regioni e città di tutta Europa sono state trascurate durante la distribuzione dei fondi europei del Recovery and Resilience Facility. (Forza di reazione rapida).

Il sistema di ristrutturazione finanziaria, creato nel 2020 durante la pandemia, mira a sostenere la ripresa economica degli Stati membri dopo il Covid-19 attraverso un prestito congiunto fino a 800 miliardi di euro, il primo di questo tipo nella storia economica e finanziaria europea.

“Il trasferimento e l’attuazione del dispositivo per la ripresa e la resilienza (RRF) sono stati in gran parte ignari delle esigenze degli enti locali e regionali, mettendone a repentaglio la pertinenza e l’efficacia”.Possiamo leggere nel rapporto che include un sondaggio di oltre 2.900 comunità.

Oltre il 70% di loro, infatti, ha dichiarato di non partecipare alla distribuzione dei fondi europei. Tra questi, il 44% non era a conoscenza dell’esistenza di tale fondo, dimostrando un basso livello di consapevolezza delle questioni europee a livello locale.

Il rapporto rileva che, in generale, la maggioranza degli Stati membri avrebbe gestito la distribuzione del Recovery Fund europeo a livello centrale, spesso senza consultare i diversi livelli di governo.

“Il problema principale è che l’intero processo decisionale sembra essere solo un dialogo tra i governi nazionali e la Commissione europea”.Bruna Cañada Roca, che lavora nel comune spagnolo di Olot e rappresenta l’Osservatorio spagnolo sul debito nella globalizzazione, ha dichiarato:Osservatorio sul debito nella globalizzazione).

READ  Paros: Nuovo naufragio con decine di migranti - 16 morti, 63 salvati

“La somma di denaro gestita direttamente dalla pubblica amministrazione dello Stato [espagnol] Attraverso i suoi ministri, circa l’83%”.Ha aggiunto che molto meno denaro va direttamente ai comuni.

Sistema FRR senza “visione regionale”

Le preoccupazioni circa la centralizzazione della spesa FRR sono emerse di recente in Italia, dove quest’estate il governo ha introdotto modifiche al suo piano di bilancio nazionale, che di fatto spostano i fondi dai comuni ai governi centrali.

Tali cambiamenti hanno scatenato un aspro confronto con i governi locali e la Corte dei Conti italiana Dopo confermato Il ruolo positivo dei Comuni nell’efficace distribuzione dei fondi europei su tutto il territorio nazionale.

Secondo il rapporto del Comitato delle Regioni, l’Italia, insieme a Spagna e Portogallo, è uno dei paesi con la più forte centralizzazione per quanto riguarda la spesa in FRR.

Questa mancanza di partecipazione ha delle conseguenze: “Alcuni PNRR [plans nationaux de reprise et de résilience] Sono in qualche modo ciechi nei confronti dello spazio, il che può compromettere seriamente la loro efficacia e la coesione sociale e territoriale.si legge nel rapporto.

In effetti, il rapporto invita gli Stati membri e la Commissione europea a farlo “Adottare misure per trasformare l’attuale narrazione centrale in un approccio di implementazione graduale”.

Il Comitato delle Regioni evidenzia altre ragioni che contribuiscono all’approccio prioritario alla spesa del Fondo, tra cui l’impegno a spendere i soldi in un breve periodo di tempo, la scarsa flessibilità negli obiettivi che la spesa del Fondo deve raggiungere e procedure amministrative particolarmente complesse. Sono molte le variabili che rendono il sistema FRR indisponibile agli enti locali.

Questi risultati non sono nuovi: risultati simili sulla mancanza di coinvolgimento della comunità sono già emersi durante questo periodo Ricerca precedente. Inoltre, un altro rapporto dell’Osservatorio dei cittadini sul finanziamento del Green Deal (Osservatorio dei Cittadini per la Finanza del Green DealHa inoltre sottolineato la mancanza di coinvolgimento dei cittadini europei nella progettazione e nell’utilizzo del Recovery Fund, nonché la mancanza di trasparenza nel suo funzionamento.

READ  La Grecia sta prendendo in prestito in modo simile all'Italia come prova della sua economia in miglioramento

Altre preoccupazioni sono all’orizzonte

Tale centralizzazione innesca anche una discussione più ampia sull’uso dei fondi di coesione europei e sui modelli utilizzati per valutare l’impatto reale della spesa.

“Sono in corso discussioni per rendere la politica di coesione più simile a un fondo di ripresa, basato più sulla performance che sui costi”.ha affermato Pietro Reviglio, consigliere politico di Eurocities, una rete delle principali città europee. Dice di temere che il passaggio a un processo simile al FRR non farà altro che rafforzare la centralizzazione del denaro europeo.

Secondo Vasco Cordero, presidente del Comitato delle Regioni, l’esclusione degli enti locali e regionali dalla politica europea è uno scenario da evitare a tutti i costi.

“Il successo di politiche ambiziose richiede un ingrediente fondamentale: la fiducia. […] I dati mostrano che i cittadini si fidano di più [à leurs représentants locaux et régionaux] Dai loro governi nazionali »-Hai annunciato?

[Édité par Théo Bourgery-Gonse & Anne-Sophie Gayet]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *