Tours e Narbonne, per issare la bandiera francese ai vertici d’Europa

La pallavolo francese sta per vivere una settimana pazzesca. Se di solito la squadra francese attira la luce, i riflettori si accendono eccezionalmente su due club francesi coinvolti in altrettante finali di Coppa dei Campioni. Martedì 15 marzo, Narbonne si recherà a Halkbank Ankara (Turchia) per l’andata della finale della Challenge Cup (C3). Il giorno successivo, Tours andrà a Monza (Italia) per l’andata della finale di CEV Cup (C2).

>> La partita da seguire in diretta su france.tv <<

“È fantastico poter partecipare a una finale di Coppa dei Campioniesulta Kevin Tillie, ricevitore-attaccante di Tours. È qualcosa che non accade spesso in una carriera”. Nonostante un track record lungo quanto il braccio, sarà infatti il ​​primo per il campione olimpico (2021) e campione d’Europa (2015). Il presidente di Narbonne, Jérémie Ribourel, evoca “un grande orgoglio, un sogno”per il club occitano che in questa stagione ha scoperto le partite continentali.

Tours è la città della pallavolo per eccellenza in Francia. La TVB, un’istituzione. La Coppa dei Campioni è regolarmente invitata sulle rive della Loira e dello Cher. Otto volte campione di Francia, il club ha anche una Coppa CEV (C2, 2017) e soprattutto una Champions League (C1, 2005). È il secondo club tricolore a vincerlo dopo il Parigi, nel 2001.

In questa stagione, il viaggio della CEV Cup ha preso un’altra svolta dopo gli ottavi di finale. I Tourangeaux sono riusciti nell’impresa di eliminare Modena (Italia), il club di Earvin Ngapeth tagliato per la Champions League. “Nel piano di budget avevo previsto che ci fermassimo in ottavi”ride il presidente della TVB Bruno Poilpré. “La svolta di Modena ci ha dato molta fiducia”, assicura Kevin Tillie. Successivamente, Tours ha eliminato Karlovarsko (Repubblica Ceca) e Belchatow (Polonia) per unirsi a Monza in finale. Gli italiani approfittano dell’esclusione di Kazan, grande favorito della competizione, a seguito dell’invasione russa in Ucraina.

READ  Lo scrittore martinicano Patrick Chamoiseau premiato in Italia

I tour possono aver conosciuto le serate europee per secoli, ma la mania si è fatta sentire in questa stagione. Prima all’inizio dell’anno con la firma di Kevin Tillie appena incoronato ai Giochi Olimpici, poi quando le torri sono passate sulla scena continentale. “Le persone sono furiose perché non sono riuscite a prendere posto, ma non possiamo spingere i muri”sorride Bruno Poilpré.

“Quando sei nell’arena, accade la magia, la comunione tra la squadra e il pubblico è favolosa”.

Bruno Poilpré (presidente di Tours)

a franceinfo: sport

La sala Robert-Grenon (3.300 posti) si incendia ancora di più nella CEV Cup e le immagini di follia comunicativa dopo i match point fanno rizzare i peli sulle braccia. “Incatenando le gesta e le vittorie, la sala è sempre piena di tanta gioia, rumori per incoraggiarci”assapora Kevin Tillie.

Garantito per finire la Ligue A in prima posizione per avvicinarsi ai playoff, il TVB è sulla buona strada per raggiungere un potenziale triplo campionato – Coppa dei Campioni – Coppa di Francia senza precedenti. In ogni caso, la sua longevità ai massimi livelli ha ispirato sin dalla sua adesione all’élite francese nel 1994. “Forse abbiamo servito da tutor per Narbonne per raggiungere questo livello”foto Il presidente della Touraine Bruno Poilpré.

I giocatori del Tour affronteranno il Perugia in Champions League, 11 febbraio 2021. (LORIS CERQUIGLINI / LIVEMEDIA / AFP)

Da quando è tornato in Ligue A nel 2013, il Narbonne ha continuato a progredire. Al punto da scoprire per la prima volta nella sua storia la Coppa dei Campioni, con successo. “È difficile immaginare che giocheremo una finale europeaammette il giovane presidente Jérémie Ribourel. È davvero una sorpresa, la ciliegina sulla torta”.

Ma l’epopea dei Centurions, soprannome del club, non è un epifenomeno. Le prestazioni sportive premiano piuttosto il vero lavoro di strutturazione intrapreso in questi anni. “Siamo diventati un club più grande grazie all’arena.spiega Jérémie Ribourel, presidente dal 2010. Abbiamo sviluppato le nostre ricette, non è nemmeno un caso”. All’inizio del 2020, prima che il Covid arrivasse a sconvolgere il pianeta, i giocatori di pallavolo si sono stabiliti nella Narbonne Arena, una moderna tana di circa 3.500 posti in configurazione pallavolo.

“Ospitalità, fan experience, mascotte, speaker, kiss cam”, Jérémie Ribourel elenca gli ingredienti dello spettacolo per ogni partita per attirare un pubblico sempre più ampio e familiare. Sulle orme delle esibizioni continentali dei Centurioni, gli spettatori hanno risposto. La finale si giocherà a porte chiuse. Siamo felici dell’entusiasmo che c’è intorno al clubcontinua il leader. È una terra di rugby, è difficile che altri sport trovino un posto. La sala è troppo piccola quando siamo arrivati ​​a 3.500 posti”.

L’obiettivo di questa strutturazione dentro e fuori dal campo è chiaro per il presidente: “Adeguarsi in cima al tabellone”. “È una vera sfida incoraggiare i club ad avere attrezzature degne di questo nome per offrire uno spettacolo e sviluppare risorse private per aumentare il proprio budget”conferma Gurvan Kervadec, direttore generale della National Volleyball League (LNV).

“Quello che sta facendo Narbonne può servire da esempio per il resto della pallavolo francese”.

Gurvan Kervadec (Direttore generale della LNV)

a franceinfo: sport

La pallavolo tricolore sta quindi surfando sull’onda d’oro dei Giochi Olimpici? Il collegamento è complicato da stabilire poiché Kevin Tillie è l’unico campione olimpico a giocare in una delle squadre. Ma queste finali possono ancora consentirgli di rimanere attraente. “È complicato mantenere l’entusiasmo per un evento planetario come le Olimpiadi, ma vediamo che ci sono cose che stanno cambiando nella pallavolo francesevuole credere a Gurvan Kervadec. Questo ovviamente si riflette su tutta la pallavolo professionistica in Francia, sentiamo da qualche anno che la qualità sta migliorando.

“È bello dimostrare che la pallavolo non è solo la squadra francese”continua Kevin Tillie. “Per me la pallavolo può finire per schiudersi agli occhi dei media, è tutto ciò che speriamo”, aggiunge il presidente di Tours Bruno Poilpré. Una doppia vittoria per TVB e Narbonne in C2 e C3 a ventiquattro ore di distanza l’una dall’altra sarebbe grandiosa. Risposta il 22 e 23 marzo dopo le partite di ritorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.