Sveglia presto per andare a caccia di uova

Sveglia presto per andare a caccia di uova

Il significato e lo scopo di questa procedura sono stati dibattuti nel corso degli anni. Molti studi esaminano anche i rischi per la salute; Le persone sensibili lamentano problemi come disturbi del sonno e perdita di appetito. D’altro canto, i sostenitori del cambiamento dell’ora sostengono che le luminose mattine invernali sono più sicure, mentre la qualità della vita è migliore durante le lunghe sere estive.

Gli sforzi dell’UE per abolirlo non hanno avuto successo e all’inizio dell’anno il cambio dell’ora in Austria è diventato nuovamente una questione politica. La questione è stata discussa all'Assemblea nazionale alla fine di gennaio, dopo che 168.705 persone hanno firmato il referendum dell'anno scorso sul “mantenimento dell'ora legale”.

Imago/Volker Preusser


L'alba primaverile compensa l'alba anticipata

Le due organizzatrici del sondaggio, Doris Galbrunner e Maria Dibley, hanno giustificato la loro iniziativa affermando che i cambiamenti due volte all'anno avrebbero effetti negativi sui “bioritmi umani e animali” e quindi su diversi compiti.

I colloqui del Consiglio a Bruxelles mancano di consenso

Nella discussione i partiti austriaci sono sembrati relativamente unanimi sulla necessità di discutere nuovamente la questione nell’Unione europea. Durante il dibattito del Consiglio economico di gennaio la questione principale era perché i piani di Bruxelles – che erano già diventati molto concreti – fossero stati nuovamente rinviati. Secondo Verena Haberseth del Ministero della Protezione del Clima, che ha partecipato ai negoziati a livello UE nel 2018, l’accordo è fallito perché non è riuscita a raggiungere un consenso sulla tempistica da mantenere.

L’affidabilità degli Stati membri implica che è necessario più tempo per coordinarsi con gli Stati vicini e condurre ispezioni nazionali. La cosa più importante è che la nuova organizzazione della sovranità degli Stati membri è in atto. Tuttavia, nelle successive presidenze del Consiglio e nella Commissione Ursula van der Leyen, il tema è stato assente dal programma di lavoro. Allo stesso modo non è stata fornita alcuna valutazione d’impatto.

Sondaggio online a livello europeo come catalizzatore

Un sondaggio online condotto a livello UE nel 2018 mostra che la denuncia annuale è diventata una questione politica. All'evento, l'84% dei partecipanti ha sostenuto la fine del cambio di ora e il mantenimento dell'ora legale permanente. Sono state ricevute 4,6 milioni di risposte, la maggior parte delle quali tre milioni dalla Germania: un numero record, ma comunque inferiore all'1% dei cittadini dell'UE.

Il Parlamento europeo ha votato a stragrande maggioranza nel marzo 2019 per abolire il cambio dell’ora entro il 2021. La Commissione europea ha proposto invece che i paesi decidano autonomamente se mantenere permanentemente l’ora legale o l’ora solare. Ancora da attuare: il necessario coordinamento tra gli Stati membri. Da allora, in risposta alle richieste stagionali, la Commissione europea ha ripetuto: “La palla è ora nel campo degli Stati membri”.

Tre fusi orari dalla Polonia al Portogallo

Oltre all’ora legale e all’ora solare, nell’Unione Europea esistono tre fusi orari. Lo stesso orario (ora dell’Europa centrale, CET) si applica in Austria e in altri 16 paesi, tra cui Germania, Paesi Bassi, Belgio, Danimarca, Francia, Italia, Croazia, Polonia e Spagna.

Otto paesi (Bulgaria, Estonia, Finlandia, Grecia, Lettonia, Lituania, Romania e Cipro) sono un'ora indietro (ora dell'Europa orientale, OET) e due paesi sono un'ora indietro (Irlanda, Portogallo; ora dell'Europa occidentale (GMT) ). .

READ  Il Citadines Sudirman Jakarta festeggia il suo primo anniversario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *