Sospensione del Patto di stabilità nel 2022 – EURACTIV.com

La decisione ufficiale di estendere la sospensione delle regole sul deficit e sul debito sarà presa a maggio, sulla base delle previsioni di primavera, ma la Commissione Europea è favorevole all’estensione del sistema esistente. Articolo diEuractiv Italia.

“Per il 2022, è chiaro che il sostegno al bilancio rimarrà essenziale: è meglio sbagliare facendo troppo lavoro piuttosto che troppo poco”.. Nel presentare le indicazioni di bilancio per i prossimi mesi, Paolo Gentiloni, Commissario all’Economia, ha ribadito quanto già fatto nei giorni scorsi. “La battaglia non è ancora stata vinta e dobbiamo fare in modo che gli errori degli ultimi dieci anni non si ripetano, ritirando molto presto il nostro sostegno”., È da spiegare.

Nonostante le posizioni divergenti sulla questione all’interno dell’Esecutivo europeo, Paolo Gentiloni è finalmente riuscito a far prevalere la sua striscia positiva: il Patto di stabilità e crescita dovrà essere sospeso anche il prossimo anno.

“La speranza si profila all’orizzonte per l’economia dell’UE, ma al momento l’epidemia continua a danneggiare le persone e l’economia. Per mitigare questo impatto e promuovere una ripresa resiliente e sostenibile, il nostro messaggio chiaro è che il sostegno al bilancio dovrebbe durare tanto a lungo come necessario.”Valdes Dombrowskis, vicepresidente della Commissione europea, ha dichiarato alla conferenza stampa. In precedenza, quest’ultima non escludeva la possibilità di sospendere la clausola di protezione dal 2022.

Per quanto riguarda la riattivazione delle regole del Patto di stabilità, “La decisione dovrebbe essere presa sulla base di una valutazione globale della situazione economica, sulla base di criteri quantitativi”.Il testo delle linee guida emanate dall’autorità. E il Criterio di base Sarà un ritorno del PIL ai livelli pre-crisi (fine 2019).

READ  Rigorose misure di sicurezza da rivedere il 25 marzo

“Le attuali indicazioni preliminari indicano la continuazione dell’applicazione del requisito di protezione generale nel 2022 e la sua disattivazione dal 2023”., Ha scritto il CEO nel suo comunicato stampa. La decisione ufficiale della Commissione Europea sarà presa sulla base dello Spring Economic Outlook, che sarà disponibile nella prima metà di maggio.

Una volta riattivato l’accordo, “Nel caso in cui un paese non ripristini il suo livello di attività economica prima della crisi”.L’Unione Europea dice, “Tutta la flessibilità dell’accordo sarà pienamente attuata, in particolare per quanto riguarda le proposte di politica fiscale”..

Valdes Dombrowskis si è anche detto aperto alla possibilità di modificare il Patto di stabilità e crescita, come da tempo proponeva Paolo Gentiloni. “Dall’inizio della revisione, è stato evidente che siamo stati aperti a cambiare le regole, compresa la possibilità di riforma”. A livello legislativo, ha sottolineato il vicepresidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *