Riyadh è designata ad ospitare l’Esposizione Mondiale nel 2030

Riyadh è designata ad ospitare l’Esposizione Mondiale nel 2030

Riad è stata designata martedì 28 novembre per ospitare l’Esposizione Universale del 2030. La capitale dell’Arabia Saudita è stata preferita a Pusan ​​(Corea del Sud) e Roma (Italia) in seguito al voto organizzato dall’Ufficio internazionale delle esposizioni (BIE).

Riyadh ha ottenuto 119 voti, rispetto ai 29 di Busan e ai 17 di Roma, ovvero ben due terzi dei 165 voti richiesti, secondo i risultati del BIE. Quando sono stati annunciati i risultati, grida di gioia sono risuonate all’interno della numerosa delegazione saudita.

“Siamo immensamente orgogliosi di questo risultato”ha accolto con favore il ministro degli Esteri saudita, Faisal Ben Farhan Al Saud. “È un’espressione della fiducia della comunità internazionale in ciò che abbiamo da offrire e ci impegniamo a soddisfare le aspettative”, Egli ha detto. Ha inoltre accolto con favore il fatto che l’organizzazione dell’Esposizione Universale coincida con Vision 2030, un programma di riforme volto a ridurre la dipendenza del regno dal petrolio.

“L’Arabia Saudita ha vinto l’Expo 2030 in modo decisivo”ha dichiarato dal canto suo Dimitri Kerkentzes, segretario generale del BIE, congratulandosi con Riad per il suo “vittoria incredibile”. “Questa mostra sarà il catalizzatore della trasformazione” del regno, ha detto durante la conferenza stampa successiva al voto.

Leggi anche: Il realismo politico messo alla prova dal principe ereditario saudita Mohammed Ben Salman

Le tre città candidate si vantavano tutte di aver realizzato progetti green, ad alto valore tecnologico, per aggiudicarsi l’organizzazione dell’Expo, un evento che attira milioni di visitatori, e avevano lanciato negli ultimi mesi intense campagne di lobbying. Alla presentazione dei dossier, avvenuta a giugno a Parigi, erano presenti il ​​principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammed Ben Salman, il presidente della Corea del Sud, Yoon Suk Yeol, e la presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni.

READ  La coppia di eredi norvegesi accompagna il presidente italiano a Trondheim

24 milioni a Dubai

La candidatura saudita, la più controversa, si vantava “la prima esposizione carbon negative”, in un Paese tuttavia arido, tra i principali produttori di petrolio al mondo e uno dei maggiori emettitori di gas serra pro capite. Una settimana prima dell’esito delle elezioni, quindici ONG per i diritti umani avevano invitato il BIE a farlo “non votare” per Riyadh a causa della sua “terribile” documentazione sui diritti umani.

Giampiero Massolo, presidente del comitato promotore di Expo 2030 Roma, ha criticato all’Agence France-Presse prima del voto la “deriva mercantile da altre applicazioni”che promettono “un grande volume di investimenti, privati ​​o pubblici, per ottenere gran parte dei voti”.

L’Esposizione Universale si tiene ogni cinque anni e dura al massimo sei mesi. Permettono al paese scelto di farlo “Mostrati al mondo”pur essendo “un laboratorio per architetti”stima nell’aprile 2022 Dimitri Kerkentzes, segretario generale del BIE su TV5Monde.

Ad esempio, la Torre Eiffel fu costruita a Parigi per l’Esposizione Universale del 1889, così come l’Atomium e lo Space Needle, strutture simbolo di Bruxelles e Seattle (Stati Uniti), lo furono per quelle del 1958 e del 1962. Le più recenti, a Dubai, ha registrato 24 milioni di visitatori. L’evento del 2025 si svolgerà a Osaka, in Giappone.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri abbonati Arabia Saudita: come Riyadh sta cercando di soppiantare Dubai

Il mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *