Per visitare Venezia di giorno, presto dovrai pagare e prenotare la tua fascia oraria – edizione serale della Francia occidentale

Di Nicolas HASON-FAURÉ

Per regolare meglio il flusso di turisti, il comune di Venezia, in Italia, prevede di pagare l’accesso alla città per i visitatori giornalieri dall’estate del 2022. Dovranno anche prenotare una fascia oraria per la loro visita e passare attraverso i tornelli elettronici . Il biglietto d’ingresso dovrebbe essere compreso tra 3 e 10 €, a seconda della stagione.

(Mappa: Ovest-Francia)

Canali fiancheggiati da palazzi storici dalle facciate colorate, sulla cui superficie scivolano silenziose le gondole… Venezia, in Italia, è il sogno di molti turisti, numerosissimi nei vicoli e sui ponti della città dei Dogi.

Ma potrebbe diventare un po’ più difficile visitare la città e la sua laguna classificato come patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il comune prevede di rendere pagabile l’accesso a Venezia, per i viaggiatori che vi si recano in giornata, a partire dall’estate del 2022. Questi ultimi devono anche aver “prenotato” una fascia oraria per effettuare la loro visita, come riportano i quotidiani. L’impronta .

Questo diritto di accesso alla città potrebbe costare tra 3 e 10 €, a seconda della stagione, secondo le informazioni del quotidiano britannico. La temperatura . Prima di poter scoprire la Serenissima, i visitatori dovrebbero anche passare attraverso i tornelli elettronici, installati “Nei principali punti di accesso” dalla città.

Tornelli e diritti di accesso

I turisti che soggiornano in città e vi soggiornano per più giorni, i bambini di età inferiore ai 6 anni, i residenti veneziani e le loro famiglie sarebbero esentati da questo diritto di accesso.

Queste misure mirano a mettere in atto un sistema di “Gestione attiva” flussi di turisti che ogni giorno visitano la città, riassume l’agenzia di stampa italiana ANSA. Più che limitare il numero di visitatori, l’idea è quella di incoraggiare i viaggiatori a trascorrervi più tempo, come spiega in un’intervista al quotidiano l’assessore comunale Simone Venturini. Le Figaro .

READ  ecco i nuovi divieti previsti
Un gondoliere sulla sua barca, maggio 2021 (Foto: Marco Bertorello / AFP)

L’idea, infatti, è quella di limitare alla giornata le visite effettuate al passo di carico, che portano molti turisti a ritrovarsi nello stesso luogo, contemporaneamente, in alcuni dei luoghi più emblematici della città.

Negli ultimi anni, infatti, Venezia è diventata uno dei simboli di quello che viene chiamato “overtourism”: un numero di visitatori così alto da saturare un sito. Così, prima della pandemia di Covid-19, la città accoglieva circa 30 milioni di visitatori all’anno, per circa 55.000 residenti nel centro storico.

Leggi anche: Venezia all’alba senza turisti, ecco com’è…

Questo rapporto sproporzionato ha avuto molte conseguenze sulla vita dei residenti: strade congestionate, affitti troppo alti, riduzione del numero di alloggi disponibili… Già nel 2016, centinaia di manifestanti sono scesi in piazza per protestare contro lo spopolamento della città sotto l’effetto del turismo di massa, ha riferito il BBC, British Broadcasting Corporation.

Fino a 80.000 visitatori al giorno quest’estate

L’idea di far pagare un biglietto d’ingresso per visitare Venezia era stata citata per diversi anni. Nel 2019, le autorità hanno annunciato che intendevano implementarlo nell’estate del 2020, ma nel frattempo è scoppiata la crisi sanitaria, limitando fortemente i viaggi internazionali. L’acqua nei canali della città, svuotata dei suoi turisti, era tornata limpida.

Vedi anche: VIDEO. Un gigantesco transatlantico semina il panico nel porto di Venezia

Questa prospettiva è tornata sul tappeto quest’anno: i turisti sono infatti tornati in gran numero nella città dei Dogi, che a volte ha registrato fino a 80.000 visitatori al giorno, di recente, secondo La temperatura ! I funzionari eletti locali hanno finalmente adottato questa misura la scorsa settimana.

READ  Tropea, il borgo più bello d'Italia
Il progetto di far pagare l’accesso a Venezia, per alcuni visitatori, era stato menzionato per diversi anni. (Foto: Guglielmo Mangiapane / Reuters)

Negli ultimi anni le autorità hanno messo in atto diverse misure per cercare di limitare il fastidio del turismo di massa per i veneziani, ad esempio vietando la costruzione di nuovi hotel nel centro della città, nel 2017.

Dal 1è Ad agosto bandite dal centro storico di Venezia anche le grandi navi da crociera. Costituirono, con la “Turismo eccessivo”, una delle minacce che gravavano sulla città e sulla sua laguna, Unesco avvertito nel 2019. Alla fine di luglio, Venezia è sfuggita per un pelo all’iscrizione nella lista dei Patrimoni dell’Umanità in pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *