L’aereo potrebbe avere una nuova atmosfera

Un pianeta simile alla Terra che ha avuto la sua prima atmosfera a ribollire per azione del sole. Ma gli scienziati ora pensano che potrebbe averne ricevuto uno nuovo, usando lava fusa sotto la superficie del pianeta. “È molto eccitante”, afferma la ricercatrice Raisa Estrela, “perché pensiamo che l’atmosfera che vediamo ora sia stata riconfigurata”.

Ecco come gli scienziati ritengono che sia il pianeta GJ 1132 b.immagine: NASA, ESA e R. Hurt (IPAC / Caltech) / TT

Il pianeta GJ 1132 b ha un nome triste. Anche la sfera era inizialmente considerata noiosa dagli stessi astronomi.

Il pianeta in questione era originariamente un grande pianeta gassoso molte volte più grande di circonferenza della Terra, con una spessa atmosfera composta da idrogeno ed elio. Ma a causa della sua vicinanza a una calda e giovane stella che brilla intensamente, tutta l’atmosfera è scomparsa in breve tempo. Rimaneva solo il nucleo, ora grande quanto la Terra.

“Inizialmente pensavamo che questi pianeti ad alta radiazione sarebbero stati molto noiosi, perché pensavamo che avessero perso tutta la loro atmosfera”, afferma Raisa Estrela, uno dei ricercatori che ha condotto il nuovo studio. comunicato stampa.

Nonostante ciò, gli scienziati hanno scelto di puntare il telescopio Hubble verso il pianeta e, con l’aiuto di osservazioni dirette e modelli computerizzati, hanno scoperto che il pianeta ha sicuramente un’atmosfera composta da idrogeno, acido cianidrico, metano e una sorta di smog – come l’idrocarburo.

La teoria dei ricercatori è che l’idrogeno dalla prima atmosfera sia stato assorbito sotto la sottile superficie del pianeta nel mantello liquido, e poi lentamente rilasciato di nuovo attraverso le fessure vulcaniche. Il processo sembra essere così esteso che l’atmosfera viene costantemente reintegrata anche se l’idrogeno continua a scomparire nello spazio.

READ  Non fantascienza: i fisici dicono che la mosca stenopeica è possibile

“Questa seconda atmosfera proviene dalla superficie e dall’interno del pianeta, ed è una finestra sulla geologia di un altro mondo”, afferma Paul Rimer, uno degli scienziati coinvolti.

Il pianeta è a circa 41 anni luce da noi ed è vecchio quanto la Terra. A differenza della Terra, GJ 1132 b è molto più vicino alla sua stella, poiché orbita a un giorno e mezzo dalla Terra. Il pianeta non ruota sul suo asse, ma porta lo stesso lato verso il sole, ma l’orbita ellittica lo rende una sorta di forza di marea che assomiglia a una marea che gli scienziati ritengono mantenga il pianeta galleggiante e contribuisca all’attività vulcanica.

L’autore principale Mark Swain afferma che il processo mediante il quale la prima atmosfera scompare è un processo che si verifica all’inizio della vita del pianeta, quando la stella è più calda.

“Hai questo meccanismo in cui puoi far bollire l’atmosfera per i primi 100 milioni di anni, e poi le cose si calmano. E se riesci a ricreare l’atmosfera, forse può essere preservata”, dice.

L’attuale studio è pubblicato sulla rivista The Astronomical Journal. Sono previsti ulteriori studi su questo pianeta. Tra le altre cose, la NASA spera di poter esplorare la sua superficie utilizzando il nuovo James Webb Space Telescope.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *