“La sensazione di essere esclusi e messi da parte”: a differenza di saltatori, combinate, fondisti e biathlete, Margot Boch e Carla Sénéchal, specialisti del bob, gareggeranno alle Olimpiadi del 2026 fuori dall’Italia | rivista nordica | N. 1 Biathlon

“La sensazione di essere esclusi e messi da parte”: a differenza di saltatori, combinate, fondisti e biathlete, Margot Boch e Carla Sénéchal, specialisti del bob, gareggeranno alle Olimpiadi del 2026 fuori dall’Italia |  rivista nordica |  N. 1 Biathlon
Sci di fondo, Biathlon, Combinata nordica, Salto con gli sci, Sci nordico, Nordic Mag, Nordic Magazine

Olimpiadi 2026: bob, slittino e skeleton trasferiti fuori dall’Italia

Nel febbraio del 2026, esattamente tra ventotto mesisi svolgeranno a Milano e Cortina d’Ampezzo i XXV Giochi Olimpici Invernali, duo eletto nel giugno 2019 dalla 134a Sessione del CIO riunita a Losanna (Svizzera). Dopo tre edizioni organizzate lontano dal Vecchio Continente, la messa solenne invernale dell’Olimpismo troverà quindi la sua culla.

A livello nordico ad esempio, lo sci di fondo, il salto con gli sci e la combinata vedranno le loro gare svolgersi in località molto rinomate Val di Fiemme mentre i biatleti lotteranno per le preziose medaglie Anterselva.

Carla Sénéchal, Margot Boch, Biathlon, sci di fondo, combinata nordica, salto con gli sci, salto speciale, nordicmag, Nordic Mag, nordic mag biathlon, biathlon 2023, sci nordico, rivista biathlon
Margot Boch (FRA), Carla Sénéchal (FRA) – IBSF

Slittino, skeleton e bob avrebbero beneficiato del rinnovamento della pista olimpica Eugenio-Monti., preso in prestito dagli appassionati di velocità durante l’edizione dei Giochi Olimpici del 1956 e in disuso per molti anni. Su carta, il simbolo era magnifico con un percorso già esistente riabilitato per l’occasione in un Paese che ha prodotto numerosi campioni in tutte e tre le discipline.

“Tutto questo poteva essere previsto”

Solo che all’inizio della settimana le autorità italiane hanno formalizzato l’abbandono di questo progetto ritenuto troppo costoso e non sufficientemente sostenibile a livello ambientale. Un vero colpo per bob, skeleton e slittino del mondo intero.

L’articolo continua sotto l’annuncio

“Si sentiva da tempo che per Cortina la situazione si stava complicando, per Cesana avevamo ancora speranza [la piste des JO 2006, NDLR] e non immaginavamo che ciò potesse accaderespiegare Margot Boch ha Rivista nordica. Ovviamente la delusione è tanta, tanto per noi quanto per tutti gli atleti dei nostri sport, compresi gli italiani per i quali è un sogno completamente infranto. Questo non fa bene al nostro sport. »

Margot Boch, Biathlon, sci di fondo, combinata nordica, salto con gli sci, salto speciale, nordicmag, Nordic Mag, nordic mag biathlon, biathlon 2023, sci nordico, rivista biathlon
Margot Boch (FRA) – BobTeam Boch

In tal modo, le gare di bob, slittino e skeleton si svolgeranno… fuori dai confini transalpini in una località ancora da definire. Lontano, quindi, dalla tanto attesa grande festa olimpica. “Ci troviamo fuori dal Paese che ospita i Giochi Olimpici, questo si tradurrà in un evento bizzarro”si rammarica La Plagnarde, pilota francese di bob.

READ  Un seminario sull'Indo-Pacifico organizzato dall'Ambasciata del Vietnam in Italia

Talia Solitude, Margot Boch, Carla Sénéchal, Biathlon, sci di fondo, combinata nordica, salto con gli sci, salto speciale, nordicmag, Nordic Mag, nordic mag biathlon, biathlon 2023, sci nordico, rivista biathlon
Talia Solitude (FRA), Margot Boch (FRA), Carla Sénéchal (FRA) – Bob Team Boch

Più che un trasferimento le due giovani donne rimpiangono soprattutto il tempismo : “Tutto questo poteva essere previstoindica il suo pusher Carla Sénéchal, con cui attualmente condivide l’incarico La solitudine di Talia. Se avessimo saputo fin dall’inizio che era Milano/Cortina 2026 con il bob spostato, l’avremmo vissuta diversamente. Lì speravamo tutti che fosse a Cortina, su una bellissima pista dove si allenavano i nostri allenatori. Eravamo tutti felici di andarci…”

Un trasferimento in Francia?

“Abbiamo la sensazione di essere esclusi e messi da parteaggiunge. Siamo uno sport poco pubblicizzato e poco conosciuto e le Olimpiadi costituiscono la nostra unica vetrina e la nostra unica possibilità che la gente parli di noi. Lì ci ritroveremo in un altro Paese e vivremo l’evento come un campionato del mondo e non come le Olimpiadi. »

Carla Sénéchal, Margot Boch, Biathlon, sci di fondo, combinata nordica, salto con gli sci, salto speciale, nordicmag, Nordic Mag, nordic mag biathlon, biathlon 2023, sci nordico, rivista biathlon
Carla Sénéchal (FRA), Margot Boch (FRA) – IBSF

Adesso, il tempo attende il luogo del trasferimento con tre tracce di ritorno: La Plage in Savoia e in patria, San Moritz in Svizzera e Igls In Austria, che ha già riferito al CIO. “Avremmo una preferenza per la Svizzera o la Francia, già per la vicinanza a Milano e perché sono piste che si giocano guidando e che sono piacevoli. Si parla anche dell’Austria, con Igls, ma molti atleti non lo vogliono perché la competizione si trasformerà in un campionato spingente per le caratteristiche tecniche del percorsoanalizza Margot Boch. Ciò non darebbe una buona immagine del nostro sport. »

La motivazione è sempre lì

Se le gare olimpiche venissero organizzate a La Plagne, sarebbe “una consolazione”crede Margot Boch. Tuttavia, un ostacolo potrebbe bloccare questa alternativa: “Come la Svizzera, anche la Francia è candidata alle Olimpiadi del 2030 quindi non sappiamo davvero se sarà possibile ospitare le gare olimpiche due volte di seguito”Nota Carla Sénéchal che spera che, qualunque cosa accada, la festa sarà “bella”.

READ  In Italia le stazioni sciistiche non apriranno il 7 gennaio

Carla Sénéchal, Biathlon, sci di fondo, combinata nordica, salto con gli sci, salto speciale, nordicmag, Nordic Mag, nordic mag biathlon, biathlon 2023, sci nordico, rivista biathlon
Carla Sénéchal (FRA) – Bob Team Boch

Aspettando, il Bob Team Boch non è smobilitato ed è attualmente in allenamento a Lillehammer (Norvegia) dove ha ripreso le discese su ghiaccio. “C’è delusione, ma nessun calo di motivazionefinito Margot Boch. Continuiamo a lavorare perché vogliamo ancora questa medaglia olimpica! » In Italia o altrove.


Leggi anche


Le ultime cinque notizie

L’articolo continua sotto l’annuncio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *