La Francia accelera mentre la motocicletta rallenta

La Francia accelera mentre la motocicletta rallenta

Più di 100.000 persone sono attese domenica 14 maggio sul circuito Bugatti di Le Mans per assistere al Gran Premio di Francia, quinto dei venti appuntamenti del motomondiale, la categoria regina della velocità. Anno dopo anno, il successo dell’evento è innegabile. Insieme a quelli di Germania, Argentina e Portogallo, il Gran Premio di Francia è una delle poche gare ad aver attirato un pubblico più vasto lo scorso anno rispetto al 2019, prima della pandemia di Covid-19.

Le Mans ha addirittura battuto un record di presenze, passando da 104.000 spettatori nel 2019 a 110.000 nel 2022. “È il Gran Premio che fa più iscrizioni, e di gran lunga”assicura Claude Michy, organizzatore dell’evento dal 1994. L’ex presidente della squadra di calcio del Clermont (dal 2005 al 2019) è l’unico promotore privato del campionato, visto che le altre gare in calendario sono organizzate dalle federazioni nazionali.

In Francia la MotoGP è un successo anche in televisione. In media, lo scorso anno i Gran Premi sono stati seguiti da 804.000 abbonati a Canal+, con un picco di 1,43 milioni per il Gran Premio di Francia, trasmesso anche in chiaro su C8. “Da quando abbiamo iniziato a programmare la MotoGP nel 2019, il nostro pubblico è raddoppiatodà il benvenuto a Thomas Sénécal, direttore sportivo di Canal +. Avere campioni francesi carismatici come Fabio Quartararo e Johann Zarco in lotta per il titolo è ovviamente una grande risorsa. »

Il successo del Gran Premio di Francia deve infatti molto alla popolarità del primo francese ad aver vinto un titolo iridato nella categoria regina, nel 2021. Cresciuto in Spagna, parla fluentemente inglese e italiano, Quartararo è, a 24 anni , una star mondiale. “Può diventare uno straordinario ambasciatore della MotoGP nel mondo”afferma Carmelo Ezpeleta, il boss di Dorna Sports, la società spagnola che detiene i diritti commerciali della MotoGP dal 1992.

READ  BMW M HYBRID V8 LMDh CORRE IN ITALIA

“Popolarità eccezionale”

La posta in gioco va oltre il semplice quadro sportivo. Dal ritiro, nel 2021, dell’italiano Valentino Rossi, il pilota di maggior successo nella storia di questo sport (nove volte campione del mondo), abbiamo osservato in diversi paesi una disaffezione per la MotoGP. “La sua eccezionale popolarità ha attirato folle ben oltre i semplici appassionati di motociclette”, spiega Michy. A due anni dalla sua partenza, la popolarità di Rossi, che ora guida il team Ducati-VR46, continua a superare quella dei piloti in attività.

Hai ancora il 72,33% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *