La crescita globale è più debole del previsto, secondo il Fondo Monetario Internazionale

crescita


3 minuti

L’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, ha avvertito martedì che la crescita economica globale sarà “leggermente” più debole del previsto quest’anno, poiché ha espresso preoccupazione per il crescente divario tra i paesi ricchi che generalmente beneficiano della ripresa e i paesi poveri colpiti dalla scarsità. Boom inflazionistici.

“Stiamo affrontando una ripresa globale che continua ad essere ostacolata dalla pandemia e dal suo impatto”, ha affermato l’amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva.

Credito: AFP

“Stiamo affrontando una ripresa globale ostacolata dall’epidemia e dal suo impatto”, ha detto Georgieva in un discorso che terrà all’Università Bocconi di Milano (Italia) prima degli incontri autunnali del Fondo monetario internazionale (FMI) e del mondo. Banca.

“Non siamo in grado di andare avanti correttamente, è come se camminassimo pietre nelle nostre scarpe!” , spiega in metafora.

A luglio, il fondo ha rivisto al rialzo le sue previsioni di crescita globale al +6% quest’anno. Ma questo era prima che la variabile delta creasse nuovi scompiglio nel mondo.

La Washington Foundation pubblicherà le sue prospettive economiche globali aggiornate entro una settimana all’apertura degli incontri annuali.

Ma tradizionalmente, il presidente del fondo o lo sponsor del fondo tiene un discorso sotto forma di “alzare il sipario” che definisce il panorama per l’economia globale.

Georgieva afferma che gli Stati Uniti e la Cina, le due principali potenze economiche, rimangono “i principali motori della crescita anche se il loro slancio sta rallentando”.

Alcune economie avanzate ed emergenti continuano a crescere “comprese l’Italia e l’Europa più in generale”.

D’altra parte, “in molti altri paesi, la crescita continua a deteriorarsi, ostacolata dallo scarso accesso ai vaccini e dalla risposta politica limitata, in particolare in alcuni paesi a basso reddito”, osserva.

La “differenza” rispetto alla ripresa è che le economie avanzate torneranno ai livelli pre-pandemia “entro il 2022”, quando la maggior parte dei paesi emergenti e in via di sviluppo impiegherà “molti anni per riprendersi” dalla crisi. La crisi causata nella primavera del 2020 a causa della crisi economica globale e della pandemia di COVID-19.

mantenere le promesse

E più lungo è il periodo di recupero, maggiore è l’impatto a lungo termine in questi paesi, soprattutto per quanto riguarda la perdita di posti di lavoro, che colpiscono in particolare i giovani, le donne e i lavoratori non autorizzati, cosa che deplora Georgieva.

L’ostacolo più immediato, dice, è il “divario significativo nei vaccini”. “Molti paesi senza accesso ai vaccini lasciano molte persone non protette contro il Covid”, si rammarica, esortando ad aumentare “fortemente” le dosi.

La pandemia ha ucciso quasi 4,8 milioni di persone in tutto il mondo dalla fine di dicembre 2019, secondo un rapporto AFP di fonti ufficiali lunedì.

“I paesi ricchi devono adempiere ai loro impegni immediatamente”, ha affermato il direttore generale del fondo, poiché il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale hanno fissato l’obiettivo di vaccinare il 40% della popolazione mondiale entro la fine di quest’anno e il 70% entro la prima metà. 2022.

Oltre al problema della vaccinazione, alcuni paesi emergenti e le economie in via di sviluppo affrontano pressioni sui prezzi che “devono continuare”, secondo il Fondo monetario internazionale.

Georgieva ha affermato che l’aumento dei prezzi alimentari globali, di oltre il 30% nell’ultimo anno, è “particolarmente preoccupante”. “In combinazione con l’aumento dei prezzi dell’energia, questo mette più pressione sulle famiglie più povere”, osserva.

Georgieva ritiene che i rischi e gli ostacoli a una ripresa globale equilibrata siano “più visibili” di quanto non lo fossero alcuni mesi fa.

Raccomanda alle banche centrali di rimanere “pronte ad agire rapidamente se la ripresa si rafforza più rapidamente del previsto o se i rischi di inflazione diventano tangibili”.

Inoltre, invita i governi ad accelerare le riforme per garantire la transizione verso un’economia verde che generi nuovi posti di lavoro.

Infine, si fa riferimento al problema del debito pubblico globale, che ormai, secondo i calcoli del Fondo monetario internazionale, ammonta a quasi il 100% del prodotto interno lordo dell’economia mondiale.

READ  Comunicazione gratuita ad Arkalochori, Creta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *