La Corte dei Conti tedesca critica la proposta dell’UE per allentare le regole sul debito – EURACTIV.com

La Corte dei Conti tedesca critica la proposta dell’UE per allentare le regole sul debito – EURACTIV.com

La Corte dei conti tedesca ha criticato la proposta della Commissione europea di allentare le regole sul debito dell’UE, nel mezzo dei negoziati in corso a livello dell’UE su una revisione delle regole sul debito comune, sul debito nazionale e sul deficit. Questa critica riflette le preoccupazioni espresse dal ministro delle finanze tedesco Christian Lindner (FDP, filiale di Renew Europe).

Ad aprile, la Commissione ha presentato la sua proposta per sostituire le attuali norme dell’UE in materia di politica fiscale nazionale, il patto di stabilità e crescita (PSC), sulla base del fatto che i requisiti per la riduzione del debito erano troppo rigorosi e non sufficientemente rispettati.

La Commissione propone di sostituire le norme esistenti con regimi specifici per paese, che limitino l’importo che i paesi possono spendere negli anni successivi, indipendentemente dalle spese relative al pagamento degli interessi e alle indennità di disoccupazione a breve termine.

Sebbene questi piani dovrebbero portare i livelli del debito pubblico degli Stati membri dell’UE su a Ragionevole traiettoria discendente.Il collegio dei revisori dei conti tedesco si chiede se le nuove regole siano adatte allo scopo.

La prevista riforma delle norme di bilancio dell’UE non garantirà la sostenibilità delle finanze pubbliche dell’UE.Lo scrive la Corte dei conti in un rapporto inviato ai legislatori tedeschi giovedì e visionato da EURACTIV.

Il nuovo quadro non garantisce il rispetto da parte degli Stati membri dei valori di riferimento a medio e lungo termine., si legge nel rapporto. Questo dato indica Norme di MaastrichtSecondo cui il debito pubblico non dovrebbe superare il 60% del PIL e il deficit non dovrebbe superare il 3% del PIL come previsto dai trattati UE.

READ  Tunisia - Ali Al-Kouli esita a riprendere il servizio?

“In futuro, obiettivi di bilancio in linea con le ‘nuove regole’, ma non eccessivamente ambiziosi, potrebbero rendere praticamente impossibile il rispetto dei valori di riferimento”.hanno scritto gli ascoltatori, avvertendo che uno scenario del genere “Potrebbe portare a mettere in discussione i criteri di Maastricht e quindi i principi e gli obiettivi della Legge fondamentale”.

“Gli obiettivi quantitativi delle norme modificate devono essere sufficientemente ambiziosi e vincolanti”I revisori hanno citato il sostegno alla posizione del ministro delle finanze tedesco Lindner, che ha ripetutamente chiesto di includere nelle nuove regole obiettivi quantitativi, come la riduzione annuale minima del debito.

“Condivido le preoccupazioni della Corte dei conti federale”Il signor Lindner ha scritto su Twitter. “Abbiamo bisogno non solo di nuove regole fiscali nell’Unione Europea, ma di regole migliori che ci diano un percorso più affidabile per ridurre i deficit e abbassare i livelli del debito in generale”.Ha aggiunto.

Per risolvere questo problema, i revisori propongono un approccio diverso da quello del sig. Lindner, chiedendo un limite al numero di anni oltre i quali deve essere raggiunto il valore obiettivo del 60%.

Le norme esistenti impongono agli Stati membri dell’UE il cui debito pubblico supera la soglia del 60% del PIL di ridurre i propri livelli di debito di un ventesimo dell’aumento annuale, che è stato pesantemente criticato dagli economisti per le sue conseguenze negative sulla crescita economica. I revisori richiedono che il rapporto debito/PIL venga ridotto al 60%. “Nel giro di una o due generazioni.”.

Secondo il rapporto, il ministero delle finanze di Lindner ha criticato l’approccio perché sarebbe troppo rigido per paesi con livelli di indebitamento particolarmente elevati, come l’Italia e la Grecia e troppo indulgente per paesi già vicini all’obiettivo del 60%.

READ  I rendimenti obbligazionari dell'Eurozona scendono a causa dei timori sulle prospettive economiche

Invece, il governo tedesco favorisce una riduzione annuale del debito di almeno lo 0,5-1% del PIL all’anno per i paesi con livelli di debito superiori alla norma.

Infine, gli Stati membri dell’UE fortemente indebitati hanno accolto con favore, in linea di principio, la proposta della Commissione, suggerendo che consentirebbe loro più spazio di manovra di bilancio per destinare risorse alla crescita e aiutare le famiglie più vulnerabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *