Media: come (OK) parlare dell’emergenza climatica?

Media: come (OK) parlare dell’emergenza climatica?

I temi della sostenibilità e della transizione sono sempre più presenti nei media. Nelle redazioni e nelle scuole di giornalismo sta cambiando il modo in cui vengono trattati questi argomenti.
Articolo riservato agli abbonati

Scritto da Michel de Moulinaire, Gilles Durand

Tempo di lettura: 1 minuto

IOLa crisi climatica sta accelerando e la questione della trasformazione si sta facendo strada nei media. Questi ultimi lo hanno capito bene ma non si sono risparmiati le critiche: poca presenza o, al contrario, troppo puritani. Allora com’è (buono) parlare di cambiamento climatico e delle sue conseguenze?

In Belgio, diversi accademici hanno invitato i media a “condurre al loro interno un pensiero radicale e globale sul modo in cui affrontano le questioni e le questioni relative al clima e alla biodiversità”. Un messaggio (in parte) sentito nelle redazioni ma anche nelle scuole di giornalismo, che si interroga sull’opportunità di adeguare i programmi dei corsi per dare spazio a più questioni climatiche e ambientali e alle sfide della transizione.


Questo articolo è riservato agli abbonati

Con questa offerta, goditi quanto segue:
  • Accesso illimitato a tutti gli articoli, file e rapporti della redazione
  • Il giornale in versione digitale
  • Lettura confortevole con annunci limitati

READ  L'Italia ha segnalato 9.148 casi di Covid-19 e 144 decessi entro 24 ore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *