La Città Immaginaria, mostra collettiva al Centro Culturale L’Italie di Parigi

La Città Immaginaria, mostra collettiva al Centro Culturale L’Italie di Parigi

Di Ilaria Venneri

Dal 3 febbraio 2024 L'Italia a Parigi apre le porte alla mostra “La Città Immaginaria”, ispirata alle Città Invisibili di Italo Calvino.

“Le città come i sogni sono fatte di desideri e di paure, anche se il filo del loro discorso è segreto, le loro regole assurde, le loro prospettive ingannevoli; e tutto ne nasconde un altro. – Non ho né desideri né paure, dichiarò il Khan, e i miei sogni sono composti dalla mia mente o dal caso. – Anche le città si credono opera dello spirito o del caso, ma nessuno dei due è sufficiente a mantenere in piedi le loro mura. Non godi di una città per le sue sette o settantasette meraviglie, ma per la risposta che dà a una delle tue domande. » Italo Calvino, Le città invisibili, 1972.

Questa mostra collettiva si concentra sul modo in cui alcuni artisti percepiscono – consciamente o inconsciamente – la vita urbana, con l'obiettivo di indagare il rapporto tra gli esseri umani contemporanei, il loro immaginario e la città.

Riflettendo la diversità della vita urbana, la mostra comprende disegni, collage, fotografie, assemblaggi e forme d'arte ibride. Gli artisti provengono da New York e San Francisco (USA), Parigi, Roma e Torino (Italia). Le opere mettono in risalto le città vicine a questi artisti come Chicago, Memphis, New York, Parigi, Torino, San Francisco, ma soprattutto quella che appare come comune denominatore delle loro opere, la migliore delle città e la più poetica: la città immaginario.

Affollata, rumorosa, emozionante, sexy, costosa, inquinata, stimolante, difficile: la città è tutte queste cose allo stesso tempo. Inoltre, la vita urbana può essere allo stesso tempo sorprendente e familiare, rassicurante e spaventosa. Sia che viviamo in città per obbligo o per amore, la vita urbana modella i nostri stili di vita, i nostri corpi e i nostri pensieri. Allo stesso modo, la città è plasmata da noi, è il riflesso delle nostre culture, delle nostre società, delle nostre storie. “Un organismo inerte, ha bisogno di essere abitato e viaggiato per acquisire un'anima. Da allora in poi, riflettendo l’umanità, adotta, nella comunità umana, l’atteggiamento che gli viene comunicato dai suoi abitanti e dai suoi passanti” (Émile Magne, L’estetica delle città 1908, Gollion: Infolio, 2021).

READ  Olmeta e Michal nell'U17 francese contro l'Italia

Allora cosa significa vivere in città? Siamo gli attori e le attrici della nostra vita urbana, o le vittime delle sovrastrutture che ci costringono a una logica di preservazione di un ordine stabilito? Ancora una volta, facciamo oggi parte di un vero vissuto collettivo o siamo una moltitudine di individui che convivono nello stesso spazio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *