MotoGP Italia J3 Joan Mir (Suzuki / 3): “è stata una delle gare più difficili della mia carriera”

Qualificato nono, Joan Mir aveva promesso che in gara sarebbe potuto correre per un podio se non avesse vinto. Una lungimiranza che si è verificata sotto la bandiera a scacchi del Mugello da quando ha concluso al terzo posto questo Gran Premio d’Italia. Chi è stato, per un attimo, secondo a diventare di nuovo terzo… Detto questo, niente era semplice e prima di tutto perché l’atmosfera era davvero speciale.

Joan mir rimane in gioco in una difesa del suo titolo mondiale che ora completa al quinto posto in generale, A 40 punti dal leader Quartararo. In Italia, l’ufficiale Suzuki è salito sul suo secondo podio dell’anno. ” È stata una delle gare più dure della mia carriera », Ha dichiarato il maiorchino. ” Non solo per la difficoltà di salire sul podio su questo percorso impegnativo. Ma anche per quello che è successo in Moto3. Desidero inviare i miei migliori auguri alla famiglia di Jason Dupasquier. Non è stato davvero facile andare a lavorare dopo un minuto di silenzio … Siamo esseri umani, abbiamo sentimenti. D’altra parte, siamo anche piloti da corsa. Non voglio dire altro adesso. Mi dispiace tanto per quello che è successo a Jason “.

Tuttavia aggiunge: ” in vista di questo triste evento, sono soddisfatto della prestazione che abbiamo consegnato al Mugello », Ha detto il pilota di 23 anni, che ha vinto il Campionato del Mondo Moto3 nel 2017 sulla Leopard Honda. “ Non sono mai stato davvero in grado di brillare nelle sessioni del fine settimana, ma ho sempre mostrato un grande potenziale con le gomme usurate sulle lunghe distanze “.

READ  Italia vs. Polonia - TV, LIVE-STREAM, LIVE-TICKER, roster: tutto sulla trasmissione della Società delle Nazioni

Joan Mir: “Tutto il lavoro con le gomme usate è stato ripagato in gara”

Un aspetto del suo potenziale che era la chiave: ” tutto il lavoro con le gomme usurate è stato ripagato in gara. Sono stato in grado di controllare molto bene lo slittamento delle ruote e di mantenere le gomme a un buon livello fino alla fine. Questa strategia mi ha portato sul podio. I miei ringraziamenti vanno alla squadra, la mia squadra mi ha fornito una buona moto. Un terzo posto su questa corsia di sorpasso qui al Mugello è come una vittoria per noi “.

A proposito: terzo o secondo? Joan mir anche rotolato sul “verde” nell’ultimo giro, quindi ignorato la limitazione della pista, comeOliveira che stava seguendo. I due piloti sono stati successivamente puniti con un posto per il rientro … Così che le due penalità sono state annullate, lasciando i protagonisti nella stessa posizione sotto la bandiera a scacchi … “ Non lo avevo notato. Ero molto vicino a Miguel “, ha detto. “Non ho vinto niente perché non potevo superarlo. Ma sembra che abbia toccato il verde di pochi millimetri … Ok. In futuro presterò maggiore attenzione ai “limiti della pista”. “ha commentato Joan mir.

MotoGP Italia J3: classifica

Credito di classifica motogp.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *