Italia: veterano americano trova tre bambini uccisi nella seconda guerra mondiale | Storie

Martin Adler, un soldato americano di 96 anni nella seconda guerra mondiale, ha realizzato il suo sogno di trovare i tre bambini piccoli che ha quasi ucciso nel 1944 in Italia durante un’operazione militare dopo aver pubblicato una vecchia foto sul sito web dei Veterani.

Domenica sera – dopo 76 anni – ha parlato Martin, che vive in Florida Bruno, Τη Mafalda E il Juliana Naldi, Che avevano rispettivamente 7, 6 e 3 anni quando si incontrarono durante la seconda guerra mondiale nel villaggio di Montrencio (vicino a Bologna).

“È una bella storia che ha attirato molta attenzione”, ha detto Matteo Insetti, un italiano che ha pubblicato diversi libri su queste riunioni, riferendosi alla seconda guerra mondiale.

Giovedì scorso ha pubblicato sulla sua pagina Facebook la ricerca dell’ex soldato americano. Tre giorni dopo, i fratelli stavano parlando al telefono con il veterano da una piccola città non lontano dal loro villaggio d’infanzia.

In un’intervista alla figlia del soldato e scrittore italiano, Martin Adler ricorda in modo molto dettagliato che l’autunno del 1944 quando era con un altro soldato, John Bronsky: “C’era un silenzio mortale, non sapevamo se i tedeschi lo facessero davvero. Si ritirarono o se ci stavano aspettando. Segretamente per intrappolarci. “

Sopra: Martin Adler nel 1944 con i suoi tre figli in Italia – Dawn, loro quattro, oggi / Foto: Twitter

“Siamo entrati in casa. C’era una grossa cesta da cui uscivano strani rumori.” Io e John abbiamo già messo il dito sul grilletto e pronti a sparare … Potrebbero essere tedeschi “.

«Bambini e bambini(“Neonati, bambini”) gridò improvvisamente una madre italiana. Poi i suoi tre figli sono usciti dal cesto.

Il soldato ha catturato il momento scattando una foto con i tre bambini. In precedenza, la madre aveva chiesto loro di indossare i loro vestiti migliori.

READ  Regas - Ambizioni e visione ideale

Martin Adler, la cui figlia Russell ha pubblicato per la prima volta la vecchia foto su un sito Web, ha detto ai veterani americani nella speranza di localizzare i bambini, sebbene sia stato il momento più felice della mia vita dall’inferno della guerra. Suo padre non si ricordava di Medina.

L’appello di Adler è stato ritrasmesso in Italia e pubblicato sabato sui giornali locali.

“La giacca che indosso nella foto è stata fatta da mia madre”. Bruno, il maggiore dei tre fratelli, ora 83 anni, ha dichiarato in un’intervista al TG1 della televisione italiana: “Quando ho visto la foto, ho subito detto: ‘Questo sono io’.

“Ciao bambini” ha gridato al telefono Martin Adler domenica. La donna di 82 anni, che indossava una maschera dall’altro capo della fila, ha risposto: “Sono Mafalda”.

“Mi sembra di poter ancora vedere questo canestro davanti a me”, ha detto oggi il fratello minore Juliana, 79 anni.

Martin Adler sbarcò a Napoli nel marzo 1944 e combatté in Italia fino al 1945.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *