Italia: etiope, simbolo dell’integrazione, uccisa nella sua fattoria

Era diventata il simbolo dell’integrazione di successo in Italia. Una esiliata etiope è stata uccisa a martello da uno dei suoi dipendenti nella sua fattoria nel nord Italia. Ci teneva le capre per la sua attività di formaggio.

Lo ha annunciato il 31 dicembre la polizia italiana. Il colpevole, un ghanese, che lavorava nella fattoria in Trentino, ha confessato di aver ucciso il suo datore di lavoro, Agitu Ideo Gudeta. Ha detto che le ha tolto la vita con un martello dopo averla violentata, secondo l’agenzia italiana Ansa.

Un esempio di integrazione

La 42enne si era trasferita sulle montagne della Valle dei Mocheni, in Trentino, per produrre formaggio di capra e cosmetici nella sua fattoria La Capra Felice, costruita su un terreno precedentemente abbandonato .

La sua storia era stata riportata da numerosi media internazionali, tra cui Reuters, come un esempio riuscito di migranti in Italia in un momento di crescente ostilità verso gli immigrati, alimentato dal partito di destra Lega.

Era fuggita dall’Etiopia nel 2010

Agitu Ideo Gudeta è fuggito da Addis Abeba, la capitale etiope, nel 2010 dopo aver partecipato alle proteste contro il “land grabbing” e le autorità locali arrabbiate. Gli attivisti, lei compresa, hanno accusato le autorità di riservare ampi tratti di terreno agricolo a investitori stranieri.

Arrivata in Italia, ha potuto utilizzare terreni comuni nelle montagne del nord per costruire la sua nuova attività. Agitu Ideo Gudeta aveva potuto beneficiare di permessi che danno agli agricoltori l’accesso a terreni pubblici.

A partire da 15 capre, ne ha avute 180 nel 2018 quando è diventata una figura ben nota.

Trova tutte le notizie dal mondo QUI

READ  Corona: l'Italia vuole tenere chiuse le scuole fino a gennaio: proteste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *