Italia: aperta l’inchiesta dopo l’aggressione a un ragazzo ebreo di 12 anni

In Toscana le autorità hanno aperto un’indagine sull’aggressione di un ragazzo ebreo di 12 anni. Ha riferito che alcuni adolescenti lo avevano colpito, soprattutto alla testa, e gli avevano lanciato insulti antisemiti.

I genitori del ragazzo hanno denunciato martedì l’aggressione avvenuta lo scorso fine settimana in un parco vicino alla loro abitazione nel comune di Campiglia Marittima, in provincia di Livorno, secondo una dichiarazione dei funzionari comunali.

La nazione, un quotidiano della città di Firenze, ha riferito che gli assalitori hanno urlato al ragazzo: “Sei ebreo, quindi stai zitto” e altri insulti. Gli dissero anche: “Dovresti morire in un forno” – un riferimento all’Olocausto.

Ricevi la nostra edizione giornaliera gratuita via e-mail per non perderti nessuna delle migliori notizie Registrazione gratuita!

Il padre del ragazzo ha detto al giornale che nessuno è intervenuto per aiutare il figlio.

Alberta Ticciati, sindaco di Campiglia Marittima, ha affermato che le riprese video del parco sono state esaminate dalla polizia.

“Il ragazzo è sotto shock”, ha detto mercoledì Ticciati a SKY TG24. “Bisogna dare una risposta decisa ad atti di questo tipo. Non possono essere tollerati. »

Liliana Segre, sopravvissuta all’Olocausto (AP Photo/Luca Bruno)

La sopravvissuta all’Olocausto e senatrice Liliana Segre ha espresso indignazione per l’attacco.

“Sono atti che mi rivoltano, ma purtroppo ci sono abituato”, ha detto Segre, che è stato posto sotto la protezione della polizia dopo aver ricevuto minacce diversi anni fa. “La storia si ripete”, ha detto la donna di 91 anni, deportata ad Auschwitz quando aveva 13 anni.

Gli atti antisemiti sono in aumento in Italia negli ultimi anni, secondo l’Osservatorio sul pregiudizio antiebraico del Centro per i documenti ebraici contemporanei di Milano.

READ  Italia-Olanda 1-1 LIVE: Van de Beek pareggia, Luuk de Jong divora il vantaggio 2-1 | Prima pagina

Sei uno dei nostri fedeli lettori!

Questo è ciò per cui lavoriamo ogni giorno: fornire ai lettori più esigenti come te una copertura mediatica pertinente di Israele, del Medio Oriente e del mondo ebraico. A differenza di molti altri punti vendita, i nostri contenuti sono accessibili gratuitamente, senza che il paywall venga visualizzato dal primo paragrafo. Ma il nostro lavoro si sta rivelando sempre più costoso. Per questo invitiamo i lettori, chi può e per chi Tempi di Israele in francese è diventato importante, supportarci unendoci al Comunità di Tempi di Israele in francese. Per l’importo che preferisci, una volta al mese o una volta all’anno, anche tu puoi contribuire a questo giornalismo indipendente di qualità e goderti la lettura senza pubblicità.

Unisciti alla Comunità

Unisciti alla Comunità

Sei già un membro ? Accedi per non vedere più questo messaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.