In fuga in Italia, il sospettato ha portato la droga in Mosella

Dopo aver arrestato tre persone sospettate di essere coinvolte in una catena di importazione di droga, i gendarmi sono riusciti a scovare il capo della rete, nascosto in Sardegna. L’uomo è stato consegnato alla giustizia francese e posto in custodia cautelare.

Pensava di tirare le fila del suo traffico lontano dalla giustizia francese. Il sospettato stava affittando un appartamento sotto falso nome in Sardegna, dopo aver cambiato paese regolarmente e con documenti falsi per coprire le sue tracce.

Sospettato di essere lo sponsor di un importante traffico che riforniva la Mosella di droga dal Belgio, è stato arrestato questo mese e consegnato alle autorità francesi, quindi posto in custodia cautelare. È stato oggetto di un mandato d’arresto europeo.

È il quarto implicato in questo caso. Durante le loro indagini avviate nell’agosto 2020, i gendarmi della sezione di ricerca di Metz e la brigata di ricerca di Thionville avevano già dimostrato l’esistenza di quasi venti viaggi di andata e ritorno tra il Belgio e la Mosella, viaggi compiuti dalle “piccole mani” della rete. È stato anche nell’atto che due persone sono state arrestate nell’ottobre 2020 mentre portavano droga in Francia. Un terzo sospetto è stato arrestato nel giugno 2020.

READ  Calabria, anche il M5 condanna le dichiarazioni di Morra su Santelli. E arrivano le scuse del presidente Antimafia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *