In Côte d’Or, il tasso di infezione è di 1.650 casi ogni 100.000 abitanti, ovvero 33 volte più della soglia di allerta

Mentre la soglia di allerta è stata fissata a 50 casi di coronavirus ogni 100.000 abitanti, si attesta a 1.650 casi sulla Cote d’Or. Per l’intera regione della Borgogna-Franco Contea, questo tasso è di circa 1.500 casi ogni 100.000 abitanti.

il 22 febbraio Olivier Ferrand ha stabilito la fine del passaggio della vaccinazione a diverse condizioni. In particolare, il fatto che il tasso di infezione sia “Molto debole, circa 300 o 500 al massimo“Dopo due mesi, è chiaro che siamo di nuovo molto lontani da quell’obiettivo in Francia e Bourgogne-Franch-Conté non fa eccezione.

E l’Azienda sanitaria regionale ha indicato nel suo ultimo bollettino del 15 aprile che il contagio sta rallentando rispetto alla scorsa settimana, ma il virus”Ancora ad un livello molto alto in Borgogna-Franca Contea“.

L’incidenza nell’area maggiore è di 1.460 casi ogni 100.000 abitanti, mentre la soglia di allerta rimane fissata a 50. Nel dettaglio, ecco gli ultimi numeri per reparto:

  • Côte d’Or: 1.650 casi ogni 100.000 abitanti
  • Mai: 1603 casi ogni 100.000 residenti
  • Alta Saona: 1.537 casi ogni 100.000 residenti
  • Joura: 1480 casi ogni 100.000 residenti
  • Yun: 1.446 casi ogni 100.000 residenti
  • Saône-et-Loire: 1.431 casi ogni 100.000 abitanti
  • Dobbs: 1279 casi ogni 100.000 residenti
  • Contea di Balfour: 1.212 casi ogni 100.000 residenti.

Elevato anche il tasso di positività al test: tra 3 e 4 test positivi su 10. Tuttavia, questo può essere spiegato dal fatto che eseguiamo meno test rispetto agli ultimi mesi e spesso perché abbiamo sintomi.

D’altra parte, il numero di pazienti COVID-19 in terapia intensiva è basso in tutta la regione: 39 posti letto sono occupati in Bourgogne-Franch-Conte, di cui 12 nella Côte d’Or (un numero in aumento da oltre una settimana). Negli altri reparti ci sono tra 1 e 7 in terapia intensiva per coronavirus.

ARS ci ricorda le misure precauzionali da seguire: “Arieggiare regolarmente l’edificio diventa molto facile quando torna il bel tempo“, ma dovrebbe”La mascherina va comunque indossata in luoghi ad alta mescolanza o con persone a rischio“, e sempre “Lavati le mani il più spesso possibile e, naturalmente, isolati se compaiono i sintomi“.

READ  Dopotutto, da dove viene l'acqua della terra? - scientifico

In merito alla vaccinazione, l’ARS rileva che “Il secondo promemoria è altamente raccomandatoPer chi ha più di 80 annie residenti EHPAD e quelli con immunodeficienza. L’iniezione può essere eseguita già tre mesi dopo la prima dose di richiamo.

Questa quarta dose è ancheconsigliato” E “Ha apertoA 60-79 anni di età 6 mesi dopo il primo sollecito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.