Il vertice africano sul clima evidenzia l’urgenza della transizione verde in mezzo ai colli di bottiglia dei finanziamenti

Il vertice africano sul clima evidenzia l’urgenza della transizione verde in mezzo ai colli di bottiglia dei finanziamenti

Il presidente keniano William Ruto si rivolge agli ospiti l’ultimo giorno del vertice africano sul clima a Nairobi, la capitale del Kenya, il 6 settembre 2023. (Foto di Fred Moton/Xinhua)

La Dichiarazione di Nairobi, adottata al vertice africano sul clima appena concluso, chiedeva una tassa sul carbonio, la riforma del sistema finanziario globale e la riduzione del debito per rafforzare la risposta dell’Africa alla crisi climatica. Nella dichiarazione, i leader africani hanno anche invitato i principali emettitori del nord industrializzato a mantenere l’impegno di 100 miliardi di dollari assunto nel 2009 per aiutare i paesi in via di sviluppo ad affrontare i disastri legati al clima.

NAIROBI, 10 settembre 2020 (Xinhua) – Il vertice africano sul clima appena concluso, tenutosi nella capitale del Kenya, Nairobi, da lunedì a mercoledì, ha sottolineato l’urgente necessità di garantire un futuro giusto, verde e resiliente per il continente che porta il peso del cambiamento climatico. Gli effetti devastanti del riscaldamento globale.

Il vertice, ospitato dal Kenya in collaborazione con l’Unione africana e la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, e che si è svolto parallelamente alla Settimana africana del clima, ha dimostrato la determinazione del continente a tracciare un percorso di crescita a basse emissioni, soggetto alla disponibilità della finanza e delle tecnologie pulite. Conoscenza e innovazioni.

Il presidente William Ruto fa le sue osservazioni durante l’apertura ufficiale del vertice africano sul clima del 2023 a Nairobi, capitale del Kenya, il 4 settembre 2023. (Foto di Charles Onyango/Xinhua)

Nel suo discorso di apertura del vertice di lunedì, il presidente keniano William Ruto ha affermato che il continente è pronto per una transizione verde, ma che vi sono ostacoli nei finanziamenti e nel cambiamento degli obiettivi dei finanziatori occidentali. Secondo Ruto, l’Africa ha ricevuto parzialmente il 3% dei finanziamenti globali per il clima, ma il continente è quello che ha sofferto di più a causa del riscaldamento globale, come evidenziato dall’escalation della fame, dallo stress idrico e dalla fragilità degli ecosistemi vitali.

READ  Ultime notizie - Gli studenti di giurisprudenza dell'Università di Rodi brillano a Ginevra

Più di 20.000 delegati, tra cui decine di capi di Stato e di governo, ministri, leader del settore, innovatori, attivisti e ricercatori, hanno partecipato al vertice africano sul clima tenutosi sul tema “Guidare la crescita verde e soluzioni di finanziamento climatico per l’Africa e il mondo”. Richiedendo robusti finanziamenti, il vertice di tre giorni ha generato più di 26 miliardi di dollari in impegni da parte di enti del settore pubblico e privato, finanziatori multilaterali e fondazioni filantropiche per aiutare ad attuare progetti di resilienza climatica in Africa.

La Dichiarazione di Nairobi, che Ruto ha letto mercoledì durante la conclusione del vertice, chiedeva una tassa sul carbonio, la riforma del sistema finanziario globale e la riduzione del debito per rafforzare la risposta dell’Africa alla crisi climatica. Inoltre, nella loro dichiarazione, i leader africani hanno invitato i principali produttori di emissioni del Nord industrializzato a mantenere gli impegni di 100 miliardi di dollari assunti nel 2009 per aiutare i paesi in via di sviluppo ad affrontare i disastri legati al clima.

I delegati partecipano al vertice africano sul clima del 2023 a Nairobi, capitale del Kenya, il 4 settembre 2023. (Foto aerea di Nabukwa/Xinhua)

Durante i tre giorni dell’Africa Climate Summit, i delegati hanno sostenuto con forza i finanziamenti innovativi per stimolare la transizione verso l’energia verde, creare città e sistemi di trasporto resilienti e migliorare la salute degli habitat naturali.

Josefa Sako, commissaria per l’Agricoltura, lo sviluppo rurale, l’economia blu e l’ambiente sostenibile in Africa, ha osservato che i paesi africani spendono in media il 2% del loro prodotto interno lordo per rispondere alle emergenze climatiche, tra cui inondazioni, siccità, incendi boschivi e cicloni. Commissione dell’Unione Africana.

READ  I talebani hanno gettato migliaia di litri di alcol

Sottolineando che la transizione verde è essenziale per sostenere la crescita economica, la salute e il benessere delle comunità locali, Sako ha affermato che l’Africa deve esplorare strumenti di finanziamento innovativi e attuare progetti di adattamento incentrati sulla comunità.

Capi di stato e altri dignitari posano per una foto durante il vertice africano sul clima a Nairobi, capitale del Kenya, il 5 settembre 2023. (Foto di Fred Moton/Xinhua)

Mentre elogiano le decisioni ambiziose e coraggiose adottate al vertice africano sul clima, gli attivisti insistono sul fatto che il viaggio da percorrere è pieno di insidie ​​a meno che i governi non facciano sforzi deliberati per colmare il gap finanziario.

Mithika Mwenda, direttore esecutivo dell’Alleanza panafricana per la giustizia climatica con sede a Nairobi, ha osservato che il continente ha bisogno tra i 160 e i 240 miliardi di dollari per sostenere l’adattamento climatico entro il 2030. Per liberare la finanza climatica, i governi africani devono stimolare gli investitori istituzionali e le politiche verdi. startup. Attraverso una tassazione amichevole e l’abolizione di norme onerose.

Olfonso Somorin, principale funzionario regionale della Banca africana di sviluppo, ha affermato che il raggiungimento di una transizione verde e giusta nel continente sarà possibile una volta che i governi daranno priorità alle riforme politiche per attrarre investimenti di natura positiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *