Il ruolo del magma nella nascita dell’Oceano Atlantico

Un approccio avanzato di analisi dei dati rivela che il magmatismo ha accompagnato la disgregazione continentale al margine povero di magma della Nuova Scozia, illustrato qui. Credito: Osservatorio della Terra della NASA

L’Oceano Atlantico è nato circa 200 milioni di anni fa, quando il supercontinente Pangea iniziò a rompersi. Quando la crosta continentale si è allungata e fratturata, la crosta oceanica ha preso il suo posto. Per studiare questo processo di spaccatura, gli scienziati possono analizzare la struttura dell’attuale margine nordamericano orientale, dove si incontrano il Nord America e l’Oceano Atlantico. La composizione della crosta e del mantello superiore fornisce indizi sui processi geologici che hanno accompagnato la disgregazione dei continenti.

Un’attività che può essere importante in questo processo è il magmatismo. Ad esempio, la porzione del margine nordamericano orientale associato agli Stati Uniti orientali ha spesse sezioni di roccia ignea che la classificano come ricca di magma. Tuttavia, ci sono anche parti povere di magma del margine offshore della Nuova Scozia e di Terranova. Utilizzando un approccio avanzato di analisi dei dati, Jian et al. ha sviluppato un modello sismico ad alta risoluzione per studiare il margine povero di magma della Nuova Scozia.

Il team ha utilizzato una tecnica nota come inversione a onda intera per analizzare le onde sismiche catturate da 78 sismometri dei fondali oceanici in risposta agli impulsi di una serie di pistole ad aria compressa. Includendo tutte le informazioni nelle forme d’onda sismiche, i ricercatori hanno prodotto un modello di velocità ad alta risoluzione che è stato utilizzato per produrre un’immagine dettagliata che indica come le onde sismiche sono state riflesse in diverse posizioni e profondità.

Sulla base di questi dati, Jian e colleghi hanno identificato domini distinti lungo il margine, che rappresentano gli stadi di formazione della spaccatura. Hanno scoperto caratteristiche che suggeriscono che un evento magmatico abbia accompagnato la disgregazione continentale finale al margine della Nuova Scozia. Questo evento forma un confine tra assottigliato crosta continentale e crosta oceanica.

Questi risultati forniscono un nuovo quadro di ciò che è accaduto in una regione al largo della Nuova Scozia nord-orientale che si pensava fosse amagmatica. I risultati supportano l’evidenza di un ruolo del magmatismo nella disgregazione continentale ai margini poveri di magma anche altrove.


Le faglie nella crosta oceanica contribuiscono a rallentare le onde sismiche


Maggiori informazioni:
Hanchao Jian et al, New Insights Into the Rift to Drift Transition Across the Northeastern Nova Scotian Margin from wide-angle sismic waveform Inversion and Reflection Imaging, Giornale di ricerca geofisica: Terra solida (2021). DOI: 10.1029/2021JB022201

Questa storia è stata ripubblicata per gentile concessione di Eos, ospitata dall’American Geophysical Union. Leggi la storia originale qui.

Citazione: Il ruolo del magma nella nascita dell’Oceano Atlantico (2022, 25 gennaio) recuperato il 25 gennaio 2022 da https://phys.org/news/2022-01-role-magma-birth-atlantic-ocean.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

READ  Gli astronomi hanno scoperto un buco nero in eruzione che si estende 16 volte la luna piena nel cielo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.