il governo italiano accoglie con favore la decisione dell’UNESCO

il governo italiano accoglie con favore la decisione dell’UNESCO

La città di Venezia alla fine non sarà inclusa nella lista dei siti in pericolo del patrimonio mondiale, ha deciso giovedì 14 agosto il Comitato del Patrimonio Mondiale riunito a Riad, andando contro le raccomandazioni degli esperti dell’UNESCO.

Il Comitato del Patrimonio Mondiale – l’organo di governo della Convenzione sul Patrimonio Mondiale composto da 21 Stati Membri in rappresentanza dei 195 Stati Parte della Convenzione – ha preso oggi la decisione di non iscrivere Venezia e la sua laguna nella Lista dei Patrimoni in pericolo“, ha indicato in un comunicato stampa l’UNESCO, la cui sede è a Parigi. “Questa decisione tiene conto dei progressi compiuti negli ultimi giorni dall’UNESCO, in particolare l’istituzione a partire dal 2024 di un sistema di gestione del flusso di visitatori.“, ha detto un diplomatico all’AFP.

Tassa per soggiorni brevi

Anche se il suo caso è in discussione presso l’UNESCO, la città di Venezia ha deciso molto opportunamente martedì 12 settembre di introdurre in via sperimentale a partire dal 2024 una tassa di cinque euro che dovrà accogliere i turisti che trascorrono un solo giorno nella Città dei Dogi. L’obiettivo principale di questa misura è quello di scoraggiare i visitatori giornalieri che contribuiscono a congestionare una città famosa in tutto il mondo per le sue opere d’arte, i suoi ponti e i suoi canali.

Turisti che attraversano Piazza San Marco a Venezia il 31 luglio 2023. L'UNESCO raccomanda che Venezia venga inserita nella lista dei Patrimoni dell'Umanità in pericolo.  (ANDREA PATTARO/AFP)

Nel 2024, questa imposta pagabile online riguarderà solo un massimo di trenta giorni durante i quali il numero di turisti è tradizionalmente più elevato. Non appena l’UNESCO ha annunciato che Venezia era sfuggita alla famigerata classificazione, il ministro italiano dei Beni Culturali Gennaro Sangiulano si è affrettato a salutare”una vittoria dell’Italia e del buon senso“.

Venezia, però, non è definitivamente fuori dai guai: “Il Comitato ha ribadito le sue preoccupazioni riguardo alle sfide significative che restano da affrontare per la corretta conservazione del sito, in particolare legate al turismo di massa, ai progetti di sviluppo e al cambiamento climatico. Egli ritiene che siano necessari ulteriori progressi“.

Il Comitato ha inoltre chiesto all’Italia”invitare una missione consultiva del Centro del Patrimonio Mondiale (…) e presentare un rapporto entro il 1° febbraio 2024, in modo che lo stato di conservazione del sito possa essere nuovamente esaminato durante la 46a sessione del Comitato nell’estate 2024“.

Le misure dell’Italia “insufficienti”

Tuttavia, l’UNESCO ha raccomandato alla fine di luglio la classificazione “in pericolo“di Venezia, un gioiello minacciato dal troppo turismo e dal riscaldamento globale, a causa dei provvedimenti”insufficiente” scattato in Italia per contrastare il degrado di questo sito.

Visitatori e turisti si riuniscono vicino al Canal Grande durante il Carnevale di Venezia l'11 febbraio 2023. Il 14 settembre 2023 l'ONU ha dichiarato di non aver inserito Venezia, una delle principali destinazioni turistiche del mondo, nella sua lista del patrimonio mondiale "in pericolo" (MIGUEL MEDINA/AFP)

Venezia rinvia da anni l’adozione di misure drastiche, in particolare l’istituzione delle prenotazioni obbligatorie e del contingentamento degli ingressi per arginare l’ondata di milioni di turisti nel centro storico saturo.

Gli esperti dell’UNESCO hanno stimato che “continuo sviluppo (di Venezia), gli impatti dei cambiamenti climatici e del turismo di massa“minacciato di”causare modifiche irreversibili all’eccezionale valore universale del bene“.

Venezia, città insulare fondata nel V secolo e divenuta una grande potenza marittima nel X secolo, si estende su 118 isolotti. Questo sito eccezionale è stato inserito nella lista del Patrimonio Mondiale dall’UNESCO nel 1987. La Serenissima è una delle città più visitate al mondo. Nei momenti di punta vi dormono 100.000 turisti, oltre a decine di migliaia di visitatori giornalieri. Rispetto ai circa 50.000 abitanti del centro cittadino, che continua a spopolarsi.

READ  in montagna con i migranti che tentano il difficile passaggio tra Italia e Francia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *