il gigante americano al piccolo italiano

È ufficiale dall’11 febbraio, l’AC Spezia passa sotto bandiera americana per essere stato acquistato dalla famiglia Platek. È la fine di una bella avventura di tredici anni per l’ex presidente Gabriele Volpi e soprattutto l’inizio delle domande su questi investitori provenienti dall’America. Domande che sorgono sia dal punto di vista economico che sportivo.

La fine dell’era Volpi: una storia d’amore lunga tredici anni

Bella la storia tra Gabriele Volpi e l’AC Spezia. In effetti, inizia nel 2008, quando il club vegeta in Serie D mentre è sull’orlo della bancarotta. L’imprenditore italiano, naturalizzato nigeriano, viene in soccorso di questo club che affonda investendo. Risultato il piccolo club ligure riesce in tredici anni a passare dalla serie D alla serie A. Un vero orgoglio per il presidente Volpi che è considerato allora il primo presidente italiano a promuovere un club di serie A in Africa. Diventa un vero fan del suo club, Gabriele Volpi si è confidato con il Gazzetta dello Sport : ” Come tifoso è stata una bella esperienza, non mi sono davvero sfoggiato economicamente. “. Vero ricordo dell’AC Spezia, Gabriele Volpi ha rievocato i suoi ricordi ei suoi incontri sempre per il quotidiano rosa: “Ci sono giocatori e allenatori che mi hanno impressionato in questi tredici anni alla guida del club ma dirò che N’zola e Italiano sono stati i due uomini più importanti dello Spezia nelle ultime stagioni. “. In questa intervista per il quotidiano sportivo milanese, l’ex presidente del promosso ligure promette la sua Fan Che il club manterrà se stesso e rassicurerà sul tema dei nuovi investitori che sarebbero affidabili e seri secondo le dichiarazioni dell’italo-nigeriano. Gabriele Volpi, invece, mantiene ancora i contatti con la società in quanto possiede ancora il centro sportivo Ferdeghini.

READ  I risultati della pandemia Covid-19 del 26 dicembre alle 11:00 GMT

Chi sono questi investitori americani?

Nonostante le parole che vogliono essere rassicuranti da parte dello storico presidente, i seguaci di AC Spezia potrebbero porsi qualche domanda sugli obiettivi di questi nuovi investitori americani, in questo caso la famiglia Platek. Quest’ultimo ha acquistato il club per un importo di circa 25 milioni di euro. I Plateks non sono nuovi nel settore poiché possiedono già due club in Europa: Casa Pia (portoghese D2) e Sonderjyske Foodbold (danese D1). Gabriele Volpi ha scelto di cedere loro tutte le azioni dell’azienda olandese Piccante sport sociale che possedeva il club. La famiglia americana metterà a capo del club un certo Monsieur Tella, uomo di fiducia del clan Platek, come presidente del club. Quest’ultima ha in particolare quattordici anni di esperienza nel campo degli investimenti bancari ed è specializzata nel fundraising nel settore immobiliare e sportivo. È considerato l’investigatore principale dell’acquisizione di AC Spezia.

Il progetto della famiglia Platek in questione

Resta ora da porre la questione delle ambizioni e del progetto sportivo, se c’è, della famiglia Platek per l’AC Spezia. Non si dovrebbe essere ingenui o schietti riguardo alle reali intenzioni della famiglia americana. L’acquisizione dell’AC Spezia è interessante ai loro occhi più per ragioni economiche che sportive. La nomina di Tella, specialista in materia immobiliare, non è una semplice coincidenza poiché i nuovi proprietari intendono sfruttare le potenzialità turistiche della Liguria. Cosa ha deliziato il sindaco di La Spezia, Peracchuni, che si è affrettato ad accogliere la famiglia Platek. Quest’ultimo vuole anche che la famiglia americana possa valorizzare ulteriormente il patrimonio della città ligure. I Platek hanno già segnato il loro territorio da quando hanno appena installato una stanza che prende il nome dal loro gruppo Ten Sports Entertainment che diventerà il nuovo sponsor del club con la maglia sostitutiva Via Melara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *