I cacciatori neolitici progettarono enormi trappole

I cacciatori neolitici progettarono enormi trappole

Quasi un secolo fa, quando i primi piloti di aeroplani si avventurarono nei cieli del Medio Oriente, a volte furono sorpresi di scoprire strane linee e forme geometriche che delimitavano i deserti sottostanti. La loro forma evoca quella degli aquiloni, tracciati per diverse centinaia di metri, che ha fatto guadagnare a queste enigmatiche strutture il nome anglosassone di “Aquiloni Dal suolo non si scorgono altro che lunghi muretti a secco alti meno di un metro e tipologie di recinti poco interessanti per gli archeologi.

Così questi aridi aquiloni sono caduti nell’oblio fino alla democratizzazione delle immagini satellitari grazie a Google Earth, che ha permesso loro di stare “su una sedia a rotelle”, sullo schermo. Dieci anni fa ce n’erano circa un migliaio. Oggi sono più di 6.600, in Giordania e Arabia Saudita, ma anche in Armenia e fino al Kazakhstan., elenca l’archeologo Remy Crassard (CNRS, Casa dell’Oriente e del Mediterraneo, Lione II). in un saggio Pubblicato il 17 maggio in Più unoPresenta con un team internazionale una sorprendente scoperta relativa a due di questi aquiloni in Giordania e in Arabia Saudita: le iscrizioni dipinte su pietre vicine rappresentano, su larga scala, queste costruzioni non più enigmatiche.

Gli scavi effettuati negli ultimi anni hanno rivelato, infatti, che gli aquiloni erano “giganti”E trappole di pietra che consentono di calare la selvaggina verso un’estremità chiusa circondata da fosse, “Dove gli animali hanno terminato il loro viaggio”dice Remy Crassard. Queste piccole celle circolari, a volte profonde fino a 3 metri, passarono inosservate, perché il crollo dei muretti che chiudevano la trappola e la sabbia le riempirono.

Pianta della trappola scavata

Nel 2015, iscrizioni che rappresentano queste trappole giganti sono state scoperte nel nord dell’Arabia Saudita e nel sud-est della Giordania. In entrambi i casi, i blocchi hanno fornito il contorno della trappola più vicina, rispettando le scale e con sorprendente fedeltà al terreno.

READ  Gli astronauti della NASA si preparano ad aggiornare il sistema di alimentazione della ISS: come guardare

“La scoperta di questi piani è incredibile perché la totalità di queste strutture può essere vista solo dall’alto. Sono una proiezione di ciò che aveva in mente la persona che ha concepito l’aquilone”. Remy Crassard conferma. Sottolinea che anche con un sistema di posizionamento globale (GPS), condurre un tale sondaggio attraverso la scansione della posizione è ancora una sfida. Questa è un’impresa notevole poiché le date danno un’età di novemila anni per il sito giordano e ottomila anni per il sito saudita, cioè da cinque a seimila anni prima dei primi piani di costruzione realizzati dal popolo della Mesopotamia.

Hai ancora il 47,09% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *