“Ho spiegato a Messi quanto è grande la Juventus”

Miralem Pjanic ha parlato ai microfoni di Sky Sport. Ecco i suoi commenti riportati da TuttoJuve.com:

Qual è il tuo stato d’animo e quali sono le tue sensazioni nel tuo vecchio stadio?

“Già quando sono arrivato allo stadio e in città, ho rivissuto ricordi meravigliosi. È emozionante. Incontrerò molte persone con cui ho lavorato negli anni e che lavorano qui allo stadio e tornare in questo stadio è un grande piacere. Sono felicissimo ma devo dimenticare queste cose perché domani c’è una partita e io sarò un avversario. Ma amo tanto i ragazzi e i tifosi “.

A che serve la vittoria per il Barcellona?

“Dobbiamo concentrarci sul campo, sicuramente in Liga non siamo partiti come volevamo e dobbiamo iniziare a prendere punti. Ma la stagione è lunga. Abbiamo un nuovo allenatore e dobbiamo sistemare le cose per bene. ma non dobbiamo perdere punti lungo la strada. Quello che sta accadendo intorno a noi non ci riguarda. Dobbiamo concentrarci su noi stessi e vedremo cosa succederà “.

Cosa hai detto con Messi?

“Abbiamo parlato un po ‘, gli ho spiegato la situazione qui. Gli ho parlato del club, ovviamente ho parlato bene. E con Leo abbiamo parlato anche di altre cose. Stiamo preparando bene la partita e speriamo bene. affrontare un avversario di sicuro. È molto complicato giocare qui “.

Mi hai incuriosito quello che gli hai detto della compagnia?

“Gli ho detto del mio meglio. Gli ho detto quanto è bravo e quanto è grande una società. Gli ho anche parlato della società che sta facendo un nuovo centro sportivo. Abbiamo parlato di calcio. in generale e non gliel’ho detto. niente di speciale “.

READ  Mihajlovic: "Un'epidemia a Genova. Serve molta attenzione"

Qual è la prima differenza tra Cristiano Ronaldo e Messi?

“Sono giocatori fenomenali. Leo, l’ho appena incontrato ma dall’esterno sembra un alieno ma lo è davvero. È uno che, quando ha la palla tra i piedi, lo fa qualcosa di straordinario. Posso solo parlare bene di Cristiano. Sono due giocatori fenomenali e verranno ricordati per essere i più forti di tutti i tempi “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *