Grecia e Turchia combattono il caldo e gli incendi durante la dura estate europea

La Grecia sta affrontando una delle peggiori ondate di caldo degli ultimi decenni e il paese rimane in massima allerta mentre continua a combattere gli incendi in tutto il paese.

I residenti della capitale greca, Atene, sono stati avvertiti di rimanere in casa con le finestre chiuse a causa della scarsa qualità dell’aria, a seguito di un incendio scoppiato martedì nella periferia nord della capitale. Il caldo intenso ha costretto il Ministero della Cultura a chiudere l’Acropoli e altri siti antichi da mezzogiorno fino alle 17:00 ora locale di questa settimana.

I vigili del fuoco greci hanno dichiarato, mercoledì, di aver ricevuto chiamate per intervenire in 78 incendi boschivi nelle ultime 24 ore. Un intenso incendio è divampato mercoledì nella grande isola di Evia, a nord-est di Atene.

Martedì sono continuati gli incendi boschivi anche in alcune parti della Turchia, colpite da temperature estreme. Almeno otto persone sono state uccise negli incendi nelle province di Mugla e Antalya da martedì, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa ufficiale Anadolu.

L’ondata di caldo nella regione segue gli incendi devastanti della scorsa settimana in Spagna, Grecia e nell’isola italiana di Sardegna e meno di un mese dopo le catastrofiche inondazioni nel nord Europa che hanno ucciso più di 200 persone.

Gli esperti affermano che strani eventi meteorologici come inondazioni in Germania, Belgio e Paesi Bassi, nonché la recente ondata di caldo e gli incendi in Canada e negli Stati Uniti, sono un segno degli effetti del cambiamento climatico.

Le siccità stanno diventando più frequenti e gravi nell’Europa meridionale, diventando ecologiche Le autorità hanno avvertito La regione è più a rischio per gli effetti dei cambiamenti climatici sul continente.

I meteorologi della CNN hanno affermato che l’attuale ondata di caldo nella regione continuerà almeno fino a venerdì, con il caldo che raggiungerà il suo picco martedì e mercoledì per la Grecia. La temperatura dovrebbe salire di nuovo a 10 gradi sopra la media mercoledì, sopra i 40 gradi Celsius, in Grecia e nella Turchia occidentale.

Il servizio di monitoraggio atmosferico copernicano (CAMS), un programma dell’Unione europea, ha dichiarato mercoledì che la regione mediterranea è diventata un “focolaio di incendi boschivi” e ha avvertito che gli incendi stanno già rilasciando grandi quantità di fumi inquinanti nell’atmosfera.

READ  L'Italia dimentica Bergamo e sogna vittorie!

“In Turchia e nell’Italia meridionale, i dati per la regione dell’Asia orientale mostrano che le emissioni e l’intensità degli incendi boschivi stanno aumentando rapidamente e che paesi come Marocco, Albania, Grecia, Macedonia del Nord e Libano sono colpiti”, ha affermato in un comunicato stampa.

“Fiume di fumo degli incendi possono essere chiaramente viste nelle immagini satellitari che attraversano il bacino del Mediterraneo orientale dal sud della Turchia”.

Un uomo conduce il suo bestiame lontano da un incendio scoppiato il 2 agosto a Mugla, nella regione di Marmaris, mentre l'Unione europea ha inviato aiuti alla Turchia e i volontari si sono uniti ai vigili del fuoco nella lotta contro i violenti incendi.

Fuoco molto intenso

In Grecia, martedì più di 200 località hanno superato i 40 gradi Celsius (104 gradi Fahrenheit). La temperatura massima di 47,1 ° C (117 ° F), registrata a Langadas a Salonicco, è stata di un grado inferiore al record europeo di tutti i tempi di 48,0 ° C stabilito ad Atene nel 1977.

Il servizio meteorologico greco ha avvertito che i rischi di incendio rimangono molto alti mercoledì e giovedì. “Le condizioni di calore prolungato prevalenti nel nostro paese hanno aumentato l’infiammabilità dei combustibili morti a livelli estremamente elevati in quasi tutte le parti del paese, rendendo estremamente pericoloso qualsiasi uso del fuoco”, ha aggiunto.

Le autorità affermano che la maggior parte degli incendi scoppiati nella periferia di Atene sono sotto controllo, ma si teme ancora che possano scoppiare di nuovo.

Gli scienziati si preoccupano della rapidità con cui la crisi climatica ha esacerbato le condizioni meteorologiche estreme

Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha dichiarato mercoledì che non ci sono state vittime e che il sistema di evacuazione di emergenza funzionava. Ha sottolineato che i prossimi giorni saranno critici a causa del caldo e che tutti dovrebbero stare attenti.

Secondo i vigili del fuoco greci, diverse aree residenziali sono state evacuate.

Mentre l’incendio si è diffuso martedì a nord della capitale, le autorità hanno esortato i residenti a lasciare i sobborghi ateniesi di Faripompi, Adams e Trakomacdoni, nonché il Villaggio Olimpico. Il fuoco ha minacciato anche il palazzo reale di Tutus.

READ  Il tono sta crescendo tra gli economisti

I vigili del fuoco hanno anche combattuto violenti incendi nelle isole greche di Kos ed Evia, così come nella penisola del Peloponneso, dove alcuni residenti sono fuggiti.

“I tempi sono critici e le condizioni che stiamo affrontando sono molto gravi”, ha detto martedì il viceministro della Protezione civile Nikos Hardalias. “Il nostro Paese sta assistendo a un forte fenomeno climatico negli ultimi giorni, ed è una delle peggiori ondate di caldo degli ultimi quarant’anni”.

Parlando con i giornalisti in merito all’incendio nell’area di Atene mercoledì, Hardalias ha affermato che le stime iniziali erano che 76 case e 27 attività commerciali sarebbero state gravemente danneggiate. Il ministro della Sanità greco Vassilis Kikilias ha aggiunto che da martedì più di 70 persone sono state ricoverate in ospedale per problemi respiratori.

“Solidarietà europea”

Un vigile del fuoco parla con un collega mentre lavorano per spegnere gli incendi a Colliari, vicino a Oristano, nell'isola mediterranea della Sardegna, in Italia, il 26 luglio.
La Commissione Europea dice che sta lavorando 24 ore su 24 Mobilitare il supporto alle aziende antincendio nei paesi più colpiti. Ha detto in un comunicato stampa che mercoledì due aerei antincendio dalla Francia sono stati inviati dalla Francia nelle aree colpite in Italia e due aerei antincendio da Cipro stavano sostenendo la Grecia.

Ha aggiunto che i Paesi Bassi e la Repubblica Ceca invieranno elicotteri in Albania e la Slovenia sta schierando 45 vigili del fuoco nella Macedonia del Nord.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha scritto su Twitter di seguire la situazione con grande preoccupazione. La solidarietà europea sta lavorando per combattere questi orribili incendi. Disse: “Siamo con te”.

Secondo il Centro di coordinamento della risposta alle emergenze (ERCC) della Commissione europea, alcuni incendi sono scoppiati nella Macedonia orientale e settentrionale, portando all’evacuazione della città di Kutsani.

Il centro ha affermato che l’Albania è stata esposta a più di 120 incendi nelle ultime settimane, con temperature in costante aumento, mentre la regione di Valona sta affrontando la situazione più pericolosa.

L’Associazione Italiana Agricoltori, Coldiretti, ha dichiarato, mercoledì, che un’analisi dei dati sugli incendi ha mostrato che i grandi incendi sono triplicati nell’estate del 2021 rispetto al tasso storico dal 2008 al 2020, causando milioni di euro di danni all’ambiente, all’economia, alle imprese e turismo. .

READ  La Banca centrale europea tiene il passo con il supporto per sostenere la ripresa

Ha aggiunto che gli incendi hanno bruciato decine di migliaia di ettari di foresta e devastato il Mediterraneo in tutto il paese, lasciando animali morti, alberi carbonizzati, uliveti e pascoli, oltre a minacce per le aree urbane.

“La situazione è molto pericolosa”

Un pompiere doma un incendio durante un enorme incendio boschivo che devasta una località del Mediterraneo sulla costa meridionale della Turchia, vicino alla città di Manavgat, il 29 luglio.

Nel frattempo, la Turchia ha combattuto contro 11 incendi in sei province da martedì, ha scritto il ministro dell’agricoltura e delle foreste Bekir Baktemirli su Twitter nel suo account ufficiale.

Ha aggiunto che un totale di 152 incendi sono stati domati in 32 province turche negli ultimi sei giorni.

Parlando a una conferenza stampa del governo a Marmaris, Bactmirli ha affermato che il distretto di Marmaris nella provincia di Mugla ha raggiunto il massimo storico di 43,5°C con un’umidità molto bassa – meno del 10% – e 65 km/h (40 mph). ). Velocità del vento.

Il ministro dell’Interno Suleyman Soylu ha dichiarato in una conferenza stampa che più di 2.000 case sono state danneggiate ad Antalya e altre 347 a Mugla.

Il sindaco di Mila, una città nel sud-ovest della Turchia, ha detto che le fiamme degli incendi in corso hanno raggiunto un sito vicino a una centrale elettrica martedì notte.

“La situazione è molto grave”, ha detto il sindaco Mohamed Tokat. “L’incendio si è avvicinato a una centrale termica. Se possibile, un aereo per la visione notturna o un elicottero dovrebbe essere diretto immediatamente nell’area”.

Chris Liakos della CNN scrive da Cefalonia e Isil Sarios da Istanbul, mentre scrive Laura Smith Spark di Londra. Sharon Braithwaite, Taylor Ward, Monica Jarrett e Livia Burgess della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *