Grandi differenze tra gli Stati membri dell’UE – EURACTIV.com

Al fine di adattare i mercati del lavoro alle esigenze del futuro, l’Unione europea desidera promuovere l’apprendimento permanente tra la forza lavoro del continente. Tuttavia, la percentuale di adulti che usufruisce delle opportunità di apprendimento varia notevolmente in Europa.

“Senza lavoratori qualificati non saremo in grado di portare avanti il ​​cambiamento che le trasformazioni green e digitali ci richiedono”Manuela Gilling, Direttore per l’occupazione e le competenze presso la Commissione europea, ha affermato alla recente tavola rotonda.

Questa sensazione è condivisa in tutta Europa, motivo per cui sono come parole d’ordine “L’apprendimento permanente”e “aumento dell’efficienza” e “Riabilitazione” Invadere il discorso di politica pubblica.

All’inizio di quest’anno, i leader dell’UE hanno approvato un piano d’azione proposto dalla Commissione europea, secondo il quale entro il 2030 almeno il 60% degli europei deve aver completato una qualche forma di formazione professionale sul posto di lavoro negli ultimi 12 mesi.

Come primo passo, la Commissione Europea vuole raggiungere il livello del 50% entro il 2025.

Ma questo è un obiettivo ambizioso per molti paesi, poiché i livelli di istruzione e di apprendimento permanente variano ampiamente tra gli Stati membri, secondo i dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Mentre in Danimarca già il 56,7% delle persone di età compresa tra 25 e 65 anni ha partecipato ad almeno una forma di apprendimento degli adulti nel 2019, la quota equivalente in Italia è solo del 22,9%. La media UE è del 38%.

Oltre alla Danimarca, altri paesi nordici sono in cima alla lista. Anche Finlandia, Svezia e Paesi Bassi possono vantare cifre superiori al 50%.

READ  Quali perdite calcola Focus a causa di misure

All’altra estremità dello spettro, Grecia, Slovacchia, Ungheria e Lituania si uniscono all’Italia nel gruppo dei pensionati, dove meno del 30% della forza lavoro ha seguito una qualche forma di formazione professionale negli ultimi 12 mesi.

Pertanto, il Comitato ha invitato gli Stati membri a definire i propri obiettivi nazionali, tenendo conto della loro posizione iniziale. Parte del finanziamento per lo sforzo di apprendimento permanente proverrà dal Fondo sociale europeo Plus (FSE+), un fondo che detiene 99 miliardi di euro per il periodo dal 2021 al 2027.

“I finanziamenti dell’Unione Europea, in particolare il Fondo Sociale Europeo aggiuntivo, sono assegnati agli Stati membri in base alla loro situazione individuale, come il livello di sviluppo delle regioni o il tasso di disoccupazione”Lo ha detto un funzionario europeo a EURACTIV.

La signora Gilling, tuttavia, ha avvertito di questo “Questo si può fare solo a livello europeo”Ha sottolineato che il finanziamento dell’UE è complementare solo alle azioni intraprese dagli Stati membri.

“Vorrei sostenere l’importanza di aumentare i finanziamenti pubblici e privati ​​se vogliamo essere all’altezza dell’ambizione di raggiungere l’obiettivo del 60%”., ha detto al comitato online.

Secondo l’OECD Skills Outlook 2021, si osservano divari nell’istruzione e nell’apprendimento permanente non solo tra i paesi membri, ma anche tra i dipendenti con diversi livelli di istruzione. Sei adulti altamente istruiti su dieci partecipano all’apprendimento, mentre solo due adulti meno istruiti su dieci partecipano alle opportunità di apprendimento per gli adulti.

Inoltre, i dipendenti delle grandi aziende tendono ad avere maggiori opportunità educative rispetto ai lavoratori autonomi, il che costituisce un problema data la crescente importanza dell’economia delle piattaforme.

READ  Petsas: la Turchia deve dimostrare di voler diminuire la tensione per iniziare a esplorare la zona economica esclusiva

Quindi l’agenda europea delle competenze deve tenere conto di una serie di considerazioni di equità. La maggior parte delle risposte a questo problema deve provenire dagli Stati membri, poiché l’istruzione è un’area politica che rimane nelle mani degli Stati membri. Tuttavia, alcuni motivi e alcuni sforzi di coordinamento derivano da Bruxelles.

Una delle risposte politiche attese dalla Commissione Europea è “Individual Learning Accounts” (ILA). Ciò dovrebbe consentire di attribuire il diritto alla formazione alle persone, indipendentemente dal loro datore di lavoro o dallo status professionale.

Uno dei problemi più difficili da risolvere è motivare i cittadini europei a imparare. I dati dell’OCSE mostrano che l’80% delle persone che non ricevono alcuna formazione afferma di non ricevere formazione perché non la desiderano e non ne vedono la necessità.

Il compito di attuare l’apprendimento continuo e di raggiungere gli ambiziosi obiettivi del Comitato resta pertanto impegnativo.

Tuttavia, un funzionario dell’UE ha detto a EURACTIV che “Gli Stati membri dell’UE ora hanno opportunità senza precedenti per il sostegno europeo di investire nelle persone, in particolare nello sviluppo di competenze e riabilitazione che costruiscono la resilienza agli shock economici e supportano transizioni eque e socialmente inclusive”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *