Gazprom taglia ulteriormente di un terzo le consegne di gas all’italiana Eni

Una raffineria del gruppo Eni a Taranto, nel sud Italia, il 9 marzo 2022 (Filippo MONTEFORTE / AFP/Archivi)

Gazprom ha ulteriormente ridotto di un ulteriore terzo le sue forniture di gas a Eni, fornendo lunedì una quantità di circa 21 milioni di m3, ha annunciato in un comunicato il gruppo italiano di idrocarburi.

La media degli ultimi giorni è stata di circa 32 milioni di m3, precisa Eni. Una piccola parte del gas consegnato dal colosso russo all’Italia viene trasportato dal Nord Stream 1, fermo da lunedì mattina per lavori di manutenzione.

La maggior parte del gas russo consegnato all’Italia passa attraverso l’Ucraina, attraverso il gasdotto TAG che arriva a Tarvisio, nel nord del Paese, al confine con l’Austria.

Le esportazioni russe di gas verso l’Europa sono in costante calo dall’inizio delle sanzioni contro la Russia. Gazprom ha interrotto le consegne di gas a diversi clienti europei che si sono rifiutati di pagare in rubli.

Circa la metà delle società straniere che hanno stipulato un contratto di fornitura di gas con Gazprom hanno aperto un conto in rubli con Gazprombank per onorare i loro pagamenti, ha assicurato a metà maggio il vice primo ministro russo Alexander Novak, citato da Ria Novosti.

Eni, controllata dallo Stato al 30,3%, aveva così aperto un conto in euro e un altro in rubli con Gazprombank per saldare i pagamenti per la fornitura di gas russo a fine maggio, assecondando così le richieste di Mosca. Il pagamento viene effettuato in euro, a seconda del gruppo.

L’Italia è riuscita a ridurre la propria dipendenza dal gas importato dalla Russia al 25% dal 40% dello scorso anno, grazie agli sforzi di diversificazione dei fornitori avviati dopo l’invasione dell’Ucraina, capo del governo Mario Draghi.

READ  allo Stade Rochelais Tommaso Boldrini unisce ambizione e senso di appartenenza

Secondo il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani, le borse italiane erano al 55% a fine giugno e dovrebbero raggiungere il 90% entro fine anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.