Foot – Italia – Milan – “Ho parlato in casa e ho dato nomi ai muri”, dice Zlatan a proposito del Covid-19

Italia – Milan

In un’intervista al “Corriere della Sera”, Zlatan Ibrahimovic torna in particolare al periodo in cui è stato messo in quarantena a causa del coronavirus.

Quando Zlatan parla, raramente è fluido. In un’intervista con Corriere della Sera, la quasi quadra (39 anni) è tornata in particolare al periodo in cui è stata messa in quarantena a causa del Covid-19, alla fine di settembre. “Ovviamente ero preoccupato, dice l’attaccante svedese del Milan. Quando mi è successo per la prima volta ero abbastanza calmo, quasi incuriosito, beh, voglio vedere cos’è questo Covid. Ha colpito il mondo intero, una grande tragedia, ora è arrivata a me. Ero a casa ad aspettare, a vedere cosa succede. Mal di testa, non molto forte ma fastidioso, una cosa difficile. Ho anche perso un po ‘il gusto. “

“E sono stato lì tutto il tempo a casa incazzato non potevo uscire non potevo allenarmi bene, lui continua. Restare fermi è terribile. A un certo punto stavo parlando a casa e dando nomi ai muri. Diventa mentale. Ti guardi e immagini tutti i mali su di te, anche quelli che non hai. Hai dolore per quello che senti e per quello che pensi di provare. “

“Non deciderò da solo: la mia famiglia è più importante di ogni altra cosa”

Del suo futuro ha parlato anche l’ex star del PSG, indisponibile dal 22 novembre a causa di un infortunio al polpaccio dopo essere stato colpito alla coscia sinistra. Mentre il suo contratto scade alla fine della stagione, il resto sembra sfocato. Se Ibrahimovic non sembra pensare ancora al ritiro, prenderà la sua decisione in armonia con la sua famiglia. “Molte persone mi chiedono del mio futuro, aggiunge Ibra. Rispondo che andrò avanti finché potrò fare quello che faccio ora (ha segnato 10 gol in 6 presenze in Serie A in questa stagione). Mi trovo bene a Milano, funziona tutto. Non deciderò da solo: la mia famiglia è più importante di ogni altra cosa. Mi mancano tanto, ma Pioli (l’allenatore del Milan) mi ha detto che se ho due figli in Svezia, qui a Milanello, ne ho altri 25 che hanno bisogno di me. “

READ  Nyt, ucciso il numero 2 di Al-Qaeda - L'ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *