Durante l’edizione 2027 si sfideranno per la prima volta 24 squadre

Durante l’edizione 2027 si sfideranno per la prima volta 24 squadre

Questo non ha nulla a che vedere con la Coppa del Mondo FIFA e l’edizione 2026, che riunirà 48 squadre. Ma i prossimi Mondiali di rugby assomiglieranno più a un evento “globale” che in passato. La Federazione Internazionale di Rugby ha annunciato, martedì 24 ottobre, che la prossima edizione della Grande Messa Ovale, che si terrà in Australia nel 2027, riunirà 24 paesi, rispetto ai 20 attuali.

Leggi anche: La Coppa del mondo di rugby del 2023 somiglia alle “squadre minori”, che hanno subito una serie di sconfitte piuttosto schiaccianti.

L’obiettivo di questa espansione? “Fornire maggiori opportunità di qualificarsi per un numero maggiore di squadre”.“, spiega l’organismo nel suo comunicato stampa. Durante i Mondiali del 2023, molti paesi come Romania, Portogallo e Uruguay hanno subito gravi sconfitte contro squadre più abituate alle partite internazionali. Si sono lamentati di non misurarsi sufficientemente con queste ultime, e di non avere abbastanza posti disponibili durante l’incontro internazionale.

Livello 2 [les nations les plus faibles en Coupe du monde] Serve competizione, affinché il rugby non sia uno sport giocato da dieci paesi, affinché sia ​​più globale e le partite siano più attraenti da guardare »Il capitano dell’Uruguay, German Kesler, ha supplicato dopo la sconfitta della sua squadra contro l’Italia nella fase a gironi.

Ironicamente, anche la Coppa del Mondo dell’Oceania sarà più breve di una settimana rispetto a quella che si concluderà in Francia con la finale tra Nuova Zelanda e Sud Africa il 28 ottobre. In Australia, le migliori squadre si sfideranno in un formato completamente nuovo. secondo parigino, ci saranno sei gironi da quattro squadre (rispetto agli attuali quattro da cinque), che si sfideranno per sedici biglietti di qualificazione per le partite a eliminazione diretta. Raggiungeranno questo obiettivo le prime due squadre di ogni girone, nonché le quattro terze classificate dei gironi con il maggior numero di punti.

READ  I 31 corridori eliminati dal Giro d'Italia sperano di rimanere sulle auto

Ogni due anni un nuovo concorso

Il rugby non è già lo sport più adatto agli sconvolgimenti, e questo nuovo formato dovrebbe certamente proteggere i big del campo dall’intromissione in piscina. Ma la strada verso la Webb-Ellis Cup sarà più difficile dopo. Perché anche il World Rugby ha deciso di proporre un incontro ad eliminazione diretta in più rispetto al passato, aggiungendo gli ottavi di finale. Finora le squadre qualificate sono arrivate direttamente ai quarti di finale, fase in cui i Blues hanno perso contro il Sud Africa nel 2023 (29-28).

Altra novità in calendario: la creazione di una nuova competizione dal 2026. Si chiama Coppa delle Nazioni Dorso olimpicoRiunerà inoltre 24 squadre divise in due divisioni. La prima, che comprenderà la Francia, collocherà le squadre partecipanti al Campionato delle Sei Nazioni (Inghilterra, Galles, Irlanda, Scozia, Italia e Francia), al Campionato di Rugby (Nuova Zelanda, Sud Africa, Australia, Argentina), nonché come due paesi invitati.

A partire dal 2030 verrà implementato un sistema di promozioni e retrocessioni tra le due divisioni. Questa nuova competizione si svolgerà ogni due anni, durante le pause per le nazionali di luglio e novembre, invece dei turni attuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *