Droni, rinforzi della polizia… alla frontiera franco-italiana: misure adottate “a scapito del rispetto dei diritti” dei migranti

Droni, rinforzi della polizia… alla frontiera franco-italiana: misure adottate “a scapito del rispetto dei diritti” dei migranti

Le autorità francesi hanno autorizzato il dispiegamento di droni al confine franco-italiano per far fronte, secondo loro, all’aumento degli arrivi di migranti. Queste nuove misure si aggiungono al rafforzamento di 150 poliziotti e gendarmi nella regione delle Alpi Marittime, annunciato a fine aprile dal Primo Ministro. Le associazioni denunciano una “frenesia mediatica” lontana dalla realtà, che non risponde alle violazioni dei diritti dei migranti osservate da anni.

Per controllare un po’ di più il confine franco-italiano e impedire l’ingresso illegale di migranti sul suolo francese, saranno schierati droni nell’area. Due decreti, pubblicati online giovedì 11 maggio dalla prefettura delle Alpi Marittime, autorizzano per tre mesi “l’acquisizione, la registrazione e la trasmissione di immagini” riprese da droni in settori delimitati dei comuni di Mentone, Castellar, Sospel e Breil- sur Roya.

I testi sottolineano in particolare che “la difficoltà del terreno” e la presenza di numerosi percorsi “che consentono di eludere il sistema di contrasto all’immigrazione irregolare” rendono “materialmente impossibile impedire l’attraversamento irregolare delle frontiere (…) senza disporre di un’antenna dinamica visione” su tutti questi “perimetri”.

Mappa della Valle Roya, al confine franco-italiano. Credito: Francia 24

A fine aprile, il primo ministro Elisabeth Borne aveva già annunciato rinforzi della polizia per monitorare il confine. “Di fronte alla pressione migratoria [dans la région]mobiliteremo la prossima settimana 150 poliziotti e gendarmi in più nelle Alpi Marittime”, ha affermato.

Elisabeth Borne aveva anche dichiarato che una “forza di frontiera” sarebbe stata creata la prossima estate e messa in atto entro sei mesi. Consisterà nell’associare più strettamente le forze di sicurezza, i doganieri ei militari.

“Situazione esplosiva”

Le autorità giustificano le loro azioni con un aumento dei tentativi di attraversamento dalla vicina Italia. Secondo la prefettura regionale, “dall’inizio del 2023, il flusso migratorio dall’Italia è quadruplicato”. Circa 9.000 “persone irregolari sono state intercettate” alla frontiera.

Giovedì, anche l’Assemblea dei dipartimenti della Francia (ADF) aveva chiesto l’aiuto del governo per far fronte a una “situazione esplosiva” nel dipartimento, in particolare sulla questione dei minori non accompagnati.

READ  il terreno sta cedendo in diverse grandi città

Secondo il presidente dell’ADF, François Sauvadet, da gennaio nelle Alpi Marittime sono stati accolti “circa 2.000” minori non accompagnati, sui 5.000 presi in carico in tutta la Francia.

François Sauvadet ritiene che i dipartimenti preposti all’accoglienza dei minori e alla valutazione della loro età “non siano attrezzati per affrontare questa ondata migratoria”. “Lo Stato deve presumere che questi giovani non siano soggetti alla tutela dei minori ma a un flusso migratorio”. Chiede che le autorità “prendano[nt] sostenere questi giovani durante il periodo di valutazione della minoranza”.

>> Da (ri)leggere: Le zone grigie di una polizia di frontiera francese locale con sede in Italia

Nelle Alpi Marittime, “abbiamo esaurito tutte le capacità di accoglienza del dipartimento, non abbiamo più posti disponibili”, ha allertato ancora François Sauvadet.

Una situazione che aveva spinto il prefetto del dipartimento a requisire a metà aprile una palestra a Mentone, al confine franco-italiano, su richiesta del presidente del consiglio dipartimentale Charles-Ange Ginésy (LR), considerato che gli arrivi dei minori in reparto sono quattro volte superiori rispetto all’anno precedente.

“Abbiamo visto molto peggio”

Da parte delle associazioni, non capiamo questa “fuga politica”. “Stiamo effettivamente assistendo a un aumento degli arrivi, ma abbiamo visto molto peggio in passato”, assicura InfoMigrants Suzel Prio del cittadino Roya.

Ad esempio, durante i predoni a Ventimiglia, una città di confine italiana, ogni sera vengono serviti circa 200 pasti agli esiliati, secondo l’associazione. Nel 2017 erano più di 900 al giorno.

Della stessa opinione anche Agnès Lerolle, coordinatrice di cinque ong alla frontiera franco-italiana. “Non pensiamo che ci sia stato un grande cambiamento nelle ultime settimane”, ha detto a InfoMigrants.

READ  Generali torna in performance

>> Da (ri)leggere: Al confine franco-italiano, “una politica di logoramento” per “scoraggiare i migranti”

Anche le sedi della Caritas Ventimiglia non hanno registrato un’impennata degli arrivi. Da ottobre 2022, ogni mese sono passati dal centro tra i 1.000 e i 1.500 migranti. Sebbene non tutti i migranti si fermino necessariamente nel sito della Caritas, questo dato consente di misurare un possibile aumento del numero di persone nella regione. E nessun picco è stato osservato durante questo periodo.

I migranti trascorrono la notte in un luogo di privazione della libertà a Mentone.  Credito: DOTT
I migranti trascorrono la notte in un luogo di privazione della libertà a Mentone. Credito: DOTT

I droni ei rinforzi della polizia annunciati dalle autorità preoccupano gli operatori umanitari. Agnès Lerolle denuncia “misure di controllo e sorveglianza messe in atto a scapito del rispetto dei diritti” dei migranti. “Stiamo ancora assistendo alle stesse pratiche illecite: privazione della libertà senza un quadro legale e senza la presenza di un avvocato, respingimento di minori, interrogatori frettolosi, limitazioni alla presentazione della domanda di asilo, controlli discriminatori…”, elenca . Metodi ripetutamente denunciati dalle Ong da anni.

Agnès Lerolle si chiede: “Mi pongo la domanda: qual è lo scopo di tutto questo? Ci viene detto che è proteggere le persone in migrazione e reprimere le attività dei trafficanti. Ma gli esuli non sono più protetti, anzi, e ci sono ancora altrettanti scafisti alla frontiera”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *