Don Chisciotte dei librai: consegna i libri a casa, li “mette” ai giganti di internet [εικόνες] | Globalismo

Luca Ambrosio Santini guida la sua bici rossa per le strade di Milano, consegnando libri a casa.

Lo chiamano “Don Chisciotte per librai” e “The Guardian” condivide la sua storia con i suoi lettori. Era il 2013, quando Santini dovette chiudere la sua biblioteca, perché non era più un’attività redditizia. La biblioteca si trovava di fronte alla sede dell’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi, sito che ha reso il suo negozio molto frequentato da chi cerca libri musicali.

“Le cose sono diventate più difficili con l’aumento della concorrenza online, il calo generale della lettura di libri e la crisi finanziaria del 2008. Stavo provando e provando, le persone del quartiere hanno organizzato iniziative per sostenere il negozio, ma abbiamo dovuto chiudere”, ricorda.

Italia: n. 1 venditore di strada

Mentre si chiedeva come sarebbe stato il suo futuro, ha scoperto che poteva richiedere una licenza per venditore ambulante. E in qualche modo è diventato il primo a fare domanda per vendere libri. Nel 2015 Santini è diventata la prima libreria in Italia ad avviare la consegna a domicilio. Il nome LibriSottoCasa. Santini mette la sua merce in una scatola sulla parte anteriore della sua moto e la consegna ai clienti nella zona sud di Milano. “Ero sempre su una moto in città, quindi ho deciso di provarlo”, dice.

I clienti possono ordinare tramite la pagina Facebook di Santini o inviandogli un messaggio su WhatsApp, mentre possono pagare online o in contanti. Secondo il Guardian, Santini è tra le altre 2.000 librerie in tutta Italia che hanno recentemente collaborato con Amazon per creare la propria piattaforma online chiamata Bookdealer.

READ  Eurozona: di nuovo in agenda la riduzione del disavanzo fiscale
Santini in bici / Foto: Facebooklibrisottocasa

I librai italiani “mettono” con Amazon

Questo è il primo del suo genere in Italia e consente alle persone di cercare libri e individuare la biblioteca più vicina, oltre a fare acquisti in digitale prima di fare acquisti.

Questa iniziativa è particolarmente utile per le persone nelle città in cui le librerie hanno chiuso, poiché possono scoprire negozi più lontani. I clienti possono anche chiedere il consiglio che normalmente riceverebbero da un libraio.

Foto: Facebooklibrisottocasa

“I clienti potrebbero non ottenere uno sconto come Amazon, ma vengono offerti servizi professionali e ben fatti e l’opportunità di parlare con uno specialista di libri”, ha affermato. Secondo il “Guardian”, potrebbero avere molta strada da fare, ma Santini stima che questo elemento personale li distingua dai giganti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *