Dalla Namibia al Sud Africa, le tre settimane in cui si è fatta sentire l’assenza di Antoine Dupont

Dalla Namibia al Sud Africa, le tre settimane in cui si è fatta sentire l’assenza di Antoine Dupont

I Blues, infortunati contro la Namibia il 21 settembre, hanno iniziato venerdì per tornare in campo domenica durante la partita dei quarti di finale contro gli Springboks.

Quindi abbiamo dovuto aspettare 24 giorni. Una scadenza troppo breve per alcuni e interminabile per altri. Antoine Dupont tornerà al XV francese domenica 15 ottobre contro il Sud Africa, poco più di tre settimane dopo aver subito un infortunio alla mascella contro la Namibia il 21 settembre. “Il periodo di recupero è andato bene. Ho avuto la fortuna di avere diverse settimane per ritrovare tutte le mie capacità fisiche e tecniche per preparare questa partita”.Il residente di Tolosa era entusiasta, venerdì 13 ottobre, quando è stata annunciata la formazione.

La sera del 21 settembre, un grido di stupore risuonò dallo Stade Velodrome di Marsiglia, mentre il rallentatore del colpo di testa di Johan Diessel dava il tono alla violenta scossa.

Dopo la sua immediata uscita dal campo, le prime ore sono state piene di domande. I media presenti alla conferenza stampa post partita hanno tempestato di domande anche Fabien Galthiet, lasciando una notte di dubbi incombente sul XV francese. Il giorno successivo cadde l’ascia: una mascella rotta, una mascella zigomatica in termini medici. Seguì un periodo di domande, soprattutto sulla durata dell’assenza della stella francese. Alcuni suggeriscono che potrebbe rivederlo ai quarti di finale, ma la maggior parte degli esperti intervistati ritiene che la sua competizione sia finita. Non era il momento di ottimismo, data la consueta storia di recupero da un simile infortunio.

Conto alla rovescia per i quarti di finale

“Colpisci ma non affonda.” Lo ha annunciato Antoine Dupont in risposta ai social network il giorno dopo l’operazione, che è stata la sua unica comunicazione ufficiale fino a venerdì. E qualsiasi comunicazione: il suo messaggio ha ricevuto “mi piace” più di 128mila volte sul sito “X” (ex Twitter), indicando la sua attuale dimensione in campo ovale, ma è anche nuovo nel cuore del pubblico francese. meraviglia, Chi ha iniziato in Ouch con Anthony Jelonche, deve ancora passare a una nuova dimensione per la Coppa del Mondo in casa. Se ha brillato in campo, ha brillato anche in sua assenza.

READ  Coppa del mondo di rugby: le XV partite della Francia sul maxischermo di Lione a cominciare dai quarti di finale

Tornato a casa per riposarsi nella zona di Tolosa, DuPont si è preso una pausa di dieci giorni dalle competizioni. La speranza di ritorno si è accesa con scintille. Sean Edwards, allenatore della difesa del XV francese, ha acceso la prima miccia: “Se raggiungiamo queste fasi finali, sarei molto sorpreso se Antoine non fosse disponibile per i quarti di finale o le semifinali”., Si fece avanti Nella sua rubrica settimanale mail giornaliera. Il giorno successivo, FFR iniziò: Tra pochi giorni Antoine Dupont potrà tornare a far parte della Nazionale francese in un processo di graduale ripresa sportiva sotto controllo medico.ha indicato in un comunicato stampa.

Serie televisive quotidiane

Anche William Servat, allenatore offensivo del XV francese, si è lasciato prendere la mano tre giorni dopo, il 26 settembre, aprendo non solo la possibilità di un ritorno ai quarti di finale, ma anche, perché no, durante l’ultima partita del girone. contro l’Italia il 6 ottobre, dopo Solo due settimane dal suo infortunio. “Non ho necessariamente molti dubbi sulla sua capacità di giocare [l’éventuel] Quarti di finale. “È la partita dell’Italia che mi preoccupa di più”., Era stato licenziato.

Finalmente, il 28 settembre, il direttore sanitario dei Blues si è calmato, dal punto di vista medico. “Si sta sviluppando in modo molto positivo. Contro l’Italia non credo che si possa vedere, ne sono convinto. Non stiamo ancora pianificando la prossima settimana. Per i quarti di finale? Non possiamo ancora porci questa domanda. “Ci sono molte cose da verificare.” Lo ha detto in una conferenza stampa.

READ  Gyasi, nuovo capitano e protagonista dello Spezia in questa stagione

Una settimana prima della partita decisiva contro l’Italia, la possibilità di un suo ritorno agli ottavi di finale era quasi sepolta, e lo conferma l’annuncio della formazione, mercoledì 4 ottobre: ​​niente Antoine Dupont, sostituito da Maxime Loco.

Nel frattempo, il giocatore dello Stade Toulousan, che non è mai stato titolare nel XV francese, ha ripreso l’allenamento individuale, osservando da lontano i suoi compagni di squadra, con un occhio nero l’unico effetto visibile del suo infortunio. Per dimostrare la sua presenza contro il Sudafrica, gli bastavano due semafori verdi: quello delle sue ferite a Tolosa, e poi quello dell’allora 15esimo francese.

Il primo ha dato il suo benestare lunedì, e non c’è voluto molto: il giorno dopo Antoine Dupont è tornato agli allenamenti di gruppo. “Oggi ci siamo allenati con un’intensità moderata, poi aumenteremo il cursore (…) L’obiettivo era soprattutto riconnettersi con la squadra. Se è in campo, è “che è pronto al 100%” .” Lo ha detto lo stesso giorno l’allenatore dell’attacco Laurent Labet.

Antoine Dupont durante l'allenamento con il XV di Francia, 11 ottobre 2023. (ANNE-CHRISTINE POUJOULAT / AFP)

casco avvitato alla testa, Sigillo di Mathieu Jalibert : “Totò” è tornato come se non se ne fosse mai andato. Così la lunga attesa finì all’inizio della settimana. Verso la conclusione, la saga di DuPont ha lasciato pochi dubbi sulla sua presenza domenica contro i giganti Springboks. A cominciare dall’allenatore della difesa Sean Edwards. “Non è dimagrito e non ha un grammo di grasso addosso. Visto il suo stato di forma lo sosterrò per inserirsi bene nella squadra. E’ un leader. Siamo fiduciosi che potrà giocare .” Contro gli Springboks.” Ha discusso Nel Daily Mail il 9 ottobre, sei giorni prima della partita.

Ha aggiunto: “La sua capacità è al 100% e non c’è motivo di interrompere nulla”. William Servat ha confermato il giorno successivo. Il giorno prima della formazione, Cobus Reinach, il centrocampista sudafricano che giocherà i quarti di finale, ha dichiarato: “Non abbiamo parlato molto tra noi se giocherà o meno. E’ un giocatore eccezionale. Ogni volta che gioca è come se stessimo rivivendo i momenti più magici della partita”.

Annunciando il suo mandato venerdì 13 ottobre, Fabien Galthiet ha confermato: Non lo abbiamo forzato in nulla, abbiamo affrontato il suo infortunio con calma perché avevamo tempo”. Antoine DuPont è andato nella stessa direzione: “Non ho sentito pressioni da parte dello staff, abbiamo rispettato i tempi. Se gioco oggi è perché mi sento bene e l’équipe medica ha approvato tutti i passaggi”. Questo momento ha completato il suo ritorno e ha chiuso questo lungo periodo di incertezza per il giocatore, il XV francese, e i tifosi, ma anche per i suoi rivali, i sudafricani. Perché probabilmente non hanno perso un colpo di questa telenovela infinita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *