[Cyclisme] Bob Jungles è confermato per il prossimo Giro d’Italia

[Cyclisme] Bob Jungles è confermato per il prossimo Giro d’Italia

La Luxemburger, che ha ritrovato la forma fisica sulle strade del Giro di Romandia, è stata confermata per il prossimo Giro d’Italia (6-28 maggio). Per il 30enne lussemburghese questo sarà il suo quarto Giro.

Il team tedesco ha ufficializzato la selezione di otto corridori per il prossimo Giro d’Italia (6-28 maggio) che prenderà il via da Foscia Marina.

Dopo che un infortunio ai polmoni gli ha impedito di partecipare alla campagna Spring Classic (dopo un 19° posto alla Parigi-Nizza), Bob Jungles ha chiesto ai suoi leader di riprendere il Tour de Romandie e schierarsi per il Giro d’Italia. La sua voce si fa sentire e per la quarta volta nella sua carriera sarà all’inizio di un evento che ha avuto successo così spesso in passato.

Nel 2016 e nel 2017 si è classificato come miglior giovane giocatore, piazzandosi tra i primi 10 (6 nel 2016 e 8 nel 2017). Aveva vinto una tappa a Bergamo nel 2017. In queste due edizioni ha vestito la maglia rosa di leader.

Vincitore del Théâtre Châtel nell’ultimo Tour de France, il lussemburghese dovrebbe mettere in scena il Giro d’Italia e il Tour de France.

I leader della squadra Bora-Hansgrohe al Giro sono Alexander Vlasov e Lenard Kamna. Bob Jungels si svilupperà come compagno di squadra e potrebbe, a seconda delle condizioni e dello stato di forma, puntare a una tappa.

Idem per il Tour de France dove la responsabilità ricadrà sull’australiano Guy Hindley, vincitore del Giro nel 2022.

Il ritorno alla forma di Bob Jungles è stato chiaramente evidenziato nelle prime fasi del Tour de Romandie quando si è messo al servizio del giovane belga Sian Oetdebroux. Questo fa ben sperare per un bel maggio.

READ  Coppa del mondo di rugby: prima dell'incontro tra Francia e Italia, l'atmosfera comincia già a migliorare a Lione

Altri due corridori lussemburghesi che correranno al Giro sono Alex Kirsch (Trek-Segafredo) e Michel Reis (Arcaia Samsek). Le conferme sulle scelte di questi due piloti non dovrebbero tardare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *