Con “We Are Who We Are”, Luca Guadagnino torna nel territorio dell’adolescenza

Ci stavamo chiedendo dove fosse andato Luca Guadagnino. Dopo il trionfo di Chiamami con il tuo nome nel 2017, che descrive come un “Idillio” adolescente, il regista italiano con cui ha trascorso buona parte del suo capitale critico e pubblico Suspiria, un remake del film horror di Dario Argento, ambientato a Berlino (tre anni prima, il regista aveva già provato l’esercizio reinventando La piscina, di Jacques Deray, in Splash più grande). Uscito nel 2018, il film è stato un fallimento, il che non ha impedito a Guadagnino di voler continuare sulla strada del riciclaggio, dal momento che è stato annunciato come successore di Howard Hawks e Brian De Palma in una nuova versione di Scarface.

Per chi era stato spazzato via dalla sensualità diamare (2009), deliziato dall’ingenua estasi di Chiamami con il tuo nome l’arrivo di Noi siamo chi siamo è un sollievo. Ritornando nel territorio dell’adolescenza, avventurandosi in quello della serie (la storia si sviluppa su otto episodi e sette ore), Luca Guadagnino questa volta affronta direttamente il mondo moderno lanciandovi due adolescenti, figli di soldati americani di stanza in Italia, incerti. della loro identità ma determinati a non lasciare che qualcun altro la determini.

Una ragazza che a volte si veste da ragazzo

Niente di autobiografico lì dentro. Sullo schermo di un computer, il regista, che presto avrà 50 anni, descrive la sua adolescenza come “Solitario”. “Ero concentrato su quello che volevo diventare, ero immerso nei libri e nei film, non stavo recitando. Ero un giovane paralizzato. Avevo un piano, come un piano quinquennale sovietico, e ho cercato di realizzarlo, in un modo a scapito della corsa alla vita. “

“I personaggi sono sfollati, non solo perché vivono all’estero, ma anche perché sono in una fase di transizione, l’adolescenza. “

Quando il produttore Lorenzo Mieli gli ha chiesto di dirigere una serie su adolescenti che mettono in dubbio il loro genere in un sobborgo americano, Luca Guadagnino ha detto di no, per odio per “Film su chi vuole approfittare dello spirito del tempo”. Gli è venuta subito l’idea di raccontare una storia con una base americana in Italia. “I personaggi sono spiazzati, non solo perché vivono all’estero in un mondo che è un microcosmo della società americana, ma anche perché sono in una fase di transizione, l’adolescenza. ” Caitlin, la ragazza che a volte si veste da ragazzo, è nata Fraser, figlio di due donne militari professioniste. “Non volevo che la trama guidasse la storia, insiste Luca Guadagnino, ma che lo comprendiamo attraverso il comportamento. “

Hai il 54,8% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

READ  Nicolò Armini, sulle orme di Nesta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *