Catherine Deneuve: arrestato il nipote in un’operazione di polizia contro la mafia italiana

Il nipote di Catherine Deneuve e del compianto regista francese Roger Vadim è stato arrestato in un’operazione di polizia a nord di Bordeaux che ha preso di mira una banda di falsari controllati dalla mafia italiana. Ora rischia di essere estradato in Italia, dove rischia il processo e la reclusione con l’accusa di aver aiutato la Camera a inondare l’Europa di banconote da 50 euro contraffatte. Igor Vadim è detenuto in una stazione di polizia di Parigi, dove è cresciuto ed è stato membro di una delle famiglie di artisti più famose in Francia. Una fonte della squadra investigativa ha dichiarato: “Igor Vadim è una delle tre persone arrestate in Francia nell’ambito dell’operazione di polizia contro la criminalità organizzata in camorra. 44 persone sono state arrestate, di cui 40 in Italia e una in Belgio”. Nell’Operazione Nerone, sotto l’imperatore romano, furono effettuate incursioni coordinate contro i sospettati di collaborare con la camorra, un’antica società segreta radicata nella regione italiana della Campania e in particolare nella sua capitale, Napoli. Europol ha preso di mira il gruppo mafioso camorrista e nel raid è riuscito a sequestrare banconote false per 9 milioni di sterline. I funzionari di Europol hanno anche confiscato 7,5 milioni di euro di denaro reale e circa 9 milioni di yen in merce non specificata. Oltre a Vadim, tra gli arrestati ci sono un italo-francese e un cittadino italiano, uno dei quali sarebbe impiegato alla guida del sindacato criminale camorristico.

Vadim è molto legato a sua nonna, la leggendaria star del cinema francese. È il figlio di Christian Vadim, figlio di Denev e dell’ex fidanzato Rose Vadim, che ha sposato Brigitte Bardot, Jane Fonda, Danny Annette Stroberg, Mary Kristen Barrow e Katherine Marie Ellen Snyder. La madre di Igor è Ortans Divetan, 51 anni, comica, e Igor usa spesso il suo cognome.

READ  Per Francois Bayrou, l'industria francese è in una "situazione critica"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *