Andrea Balducci, tra padel italiano e catalano

Nato a Monza, Andrea Balducci è un pioniere del padel transalpino. Molto presto in esilio in Spagna a causa delle attività professionali del padre, indossa diversi cappelli: proprietario del marchio Padel Barcellona, collaboratrice della Nazionale femminile italiana e rappresentante delle calciatrici, a cominciare da Fernando Belasteguín.

Dal Barça al padel e viceversa

Il padel è uno sport molto popolare tra i giocatori di calcio. Carles Puyol ne è la migliore prova. Ma prima di lui, i Blaugrana avevano già preso l’abitudine di camminare per i tribunali. Il Balducci incontro con l’ex Barça ha così contribuito alla scoperta di uno sport che è diventato una passione e ancor di più: “Ho praticato tutti gli sport di racchetta”, spiega nelle colonne del Corriere dello Sport. “Ho provato il padel per la prima volta nel 1986. Fu in occasione dell’inaugurazione di un campo in una sala che apparteneva a due ex giocatori, Víctor Muñoz e Pichi Alonso “.

I suoi legami con il Barca si sono rafforzati nel 2003, quando è diventato il primo italiano a lavorare con un club, grazie a Joan Laporta (già visto pala in mano), grande favorito per diventare nuovamente presidente del club catalano. Seguiranno 8 anni di buon e leale servizio, in particolare per la comunicazione e per l’attenzione dei giocatori delle sezioni professionistiche di basket, pallamano, pista-hockey e futsal.

Ci incontreremo tra 10 anni

Se, alla fine degli anni ’80, la Ciudad Condal non aveva ancora molte piste, questo non ha smorzato la sua voglia di paddle, anzi. All’inizio degli anni 2000 Balducci apparteneva alla prima categoria catalana e divenne allenatore della federazione spagnola.

E nonostante la distanza, Andrea Balducci non dimentica il suo Paese di nascita. È certo che il padel può diventare molto popolare in Italia e fare di tutto per contribuire al suo sviluppo: “Sono sempre stato convinto che questo sport potesse crescere in Italia. Non sono sorpreso dal suo boom. Italia e Spagna sono paesi simili “. Il caso non è stato ascoltato in anticipo ed è proprio grazie alla sua duplice cultura che ha rappresentato un anello di congiunzione tra la penisola iberica e il Bel Paese: “Ho capito che avrei potuto essere un ponte che avrebbe portato il know-how della metodologia spagnola, il materiale e i contatti”.

Tuttavia, sebbene siano stati compiuti alcuni progressi per quasi dieci anni, la strada da percorrere è ancora lunga, nonostante i recenti sforzi compiuti in diverse regioni de La Botte, tra cui l’acquisizione di campi al coperto: “Avere solo 2-3 campi non è sufficiente e limita la scuola di paddle. Per ridurre il gap con i professionisti stranieri sarebbe necessario investire molto in formazione, allenatori e giocatori ”. Ciò non gli impedisce di essere decisamente ottimista: “Sono sicuro che tra dieci anni l’Italia raggiungerà il livello della Spagna”. Affare!

READ  Violentata in piazza Gae Aulenti a Milano: 23enne arrestato grazie alle telecamere

François Miguel Boudet Giornalista sportivo di paddle

Sono un giornalista sportivo che vive a Barcellona e ovviamente un appassionato di paddle.

RMC Sports, L’Equipe Magazine, Sport24, Infosport +, BeIN sports e ora la ciliegina sulla torta: Padel Magazine! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *