Le Iene – così incastrammo Corona

0

corona-fabrizioDavide Parenti, ideatore del celebre programma di Italia 1, Le Iene, svela i retroscena dello scherzo giocato dalla trasmissione a Fabrizio Corona. L`esca è stata Pietro Valsecchi, il produttore che ha ingaggiato Corona per Squadra Antimafia. Calabresi l’ha chiamato da Los Angeles spacciandosi per un assistente della responsabile del casting Debbie McWilliams. Pietro ci è cascato.

[ad]

Calabresi racconta: «Ho telefonato a Fabrizio una decina di volte e sotto ‘coperture’ diverse: il vice direttore casting, il segretario di produzione, l`aiuto regista e il regista. Gli ho spedito una sceneggiatura. Lui doveva fare il cattivo Santo Belfiore. Scene clou subire un interrogatorio da Bond e baciare un nero di due metri.le-iene

Lo scopo della burla era quello di caricare di botte Corona, cosa che vorrebbe fare un italiano su due. «Così abbiamo affittato il Piccolo Teatro Strehler – prosegue Parenti – e l’abbiamo convocato per un provino. L’idea primordiale era di farlo menare dalle sue vittime, Lapo Elkann e Francesco Coco. Ma li avrebbe riconosciuti».

LEAVE A REPLY