Una pandemia non protetta in Germania

Virologi ed epidemiologi spiegano che i non vaccinati sono i maggiori contributori alla nuova ondata. Il tasso di vaccinazione in Germania è inferiore al 70% e sono in corso sforzi per aumentarlo. (EPA/Friedman Fogg)

Il non immune Sono loro che lo riempiono Letti per terapia intensiva Nella quarta ondata della pandemia di coronavirus in Germania. Nei primi mesi dell’epidemia, la Germania è stata riconosciuta come un modello per la gestione delle crisi e la riduzione della mortalità dei pazienti.

Le autorità hanno implementato i piani esistenti, aumentato le unità di terapia intensiva e i cittadini hanno aderito alle procedure e Il cancelliere Merkel Ha goduto della fiducia del pubblico, anche grazie alla sua formazione scientifica. Oggi, tuttavia, una combinazione di fattori, come temperature più basse e ritardi nelle vaccinazioni di richiamo, ha portato a nuovi focolai.

Virologi ed epidemiologi spiegano che i non vaccinati sono i maggiori contributori alla nuova ondata. “Il nostro tasso di vaccinazione è ancora basso. Non abbiamo fatto quello che avremmo dovuto fare. Siamo ancora meno del 70% della popolazione vaccinata. Temo che abbiamo già perso la battaglia contro la quarta ondata”.

proporzioni maggiori

Tuttavia, la percentuale di tedeschi vaccinati è ancora molto più alta che in molti dei suoi stati Europa centrale e orientale. In Romania, solo il 25% della popolazione è stato completamente vaccinato e i decessi per Covid hanno battuto tutti i record precedenti. La Germania è superata nei tassi di vaccinazione Belgio, Danimarca e ItaliaCon il 75% completamente immune Spagna, Islanda e Portogallo rispettivamente nell’80% e nel 90%.

Il ritardo nella vaccinazione tedesca è dovuto a sacche di resistenza, in particolare negli ex stati della Germania dell’Est, dove il partito di estrema destra Alternativa per la Germania sembra essere forte. I leader del gruppo parlamentare del partito, Tino Subala e Alice Weidel, non sono stati orgogliosamente vaccinati. Nelle ultime settimane i politici sono risultati positivi al virus.

Solide tasche di vaccini impediscono la quarta ondata dell’epidemia.

Più casi

Molte infezioni sono state segnalate anche in Baviera e Baden-Württemberg, due degli stati meridionali più ricchi, che ospitano un forte movimento anti-vaccinazione. “Il Paese è affetto da due virus: il coronavirus è un segno di una controversia diffusa”, ha affermato di recente il primo ministro bavarese Markus Sender.

READ  L'Europa in "rosso" - Londra di nuovo in quarantena

Il sindaco di Berna in Sassonia, Klaus-Peter Hanke, conosce in prima persona la propaganda tossica dei vaccinatori. Pirna, con una popolazione di 40.000 abitanti, è stata teatro di violente proteste contro le misure sanitarie nella tarda primavera. L’AfD ha vinto il 33% dei voti nelle elezioni di settembre nella regione, con quasi la metà della popolazione che ha rifiutato di vaccinarsi. Questi inconvenienti fanno della Sassonia lo stato con la più alta percentuale di popolazione non vaccinata nel paese e questo con il maggior numero di casi pro capite.

“Abbiamo cercato di convincere le persone attraverso il dialogo, ma siamo arrivati ​​a un punto in cui le nostre istruzioni hanno avuto l’effetto opposto, scoraggiando molti che erano riluttanti a ricevere la vaccinazione. Nove pazienti su dieci in ospedale non sono immunizzati”, ha detto Hanke. le imprese per il rispetto delle norme sanitarie, composte da polizia e funzionari sanitari.Le scale possono essere multate sul posto, con i negozianti multati per 500 euro e i clienti per 150 euro.La tattica dura sembra dare i suoi frutti, con gli appuntamenti per le vaccinazioni in aumento negli ultimi giorni.

Suggerimento per le misure

Le misure rigorose non saranno sufficienti in breve tempo, afferma Sandra Cizek, specialista in malattie infettive dell’Università di Francoforte. Il dottor Sizek ha firmato una lettera aperta, chiedendo alle autorità di adottare una serie di misure, come l’arresto locale dei non vaccinatori o persino un blocco nazionale a breve termine.

Ma l’assenza del governo a Berlino complica il lavoro delle autorità sanitarie. “Non esiste un centro di potere e responsabilità. Il paese non ha una leadership. Il governo uscente ha smesso di rispondere e la leadership in sospeso sta riducendo il livello dell’epidemia e dei suoi rischi. “

READ  È troppo tardi per tornare alla vita normale, segnali per la Grecia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *