Riuscito il viaggio di formazione e formazione “Lab Innova” in Italia quest’estate

Riuscito il viaggio di formazione e formazione “Lab Innova” in Italia quest’estate

Terza edizione del progetto formativo ICE Agenzia Lab Innova per la Tunisia 2023promozione in collaborazione di ITA/ICE Agence Italienne per le commerce extérieur- Section for the Promotion des échanges de l’Ambassade d’Italie e di ITA/ICE Agence- Bureau de Formation-Siege central de Rome, a été inaugurée le 12 juin Tunisia .

Questa iniziativa fa parte del progetto LAB INNOVA FOR AFRICA, un programma di formazione manageriale ICE lanciato nel 2019 e implementato con successo negli ultimi anni in Angola, Costa d’Avorio, Etiopia, Ghana, Mozambico, Nigeria, Rwanda, Senegal, Uganda e Tunisia. Negli anni precedenti, hanno partecipato un totale di 275 aziende africane focalizzate sull’agroalimentare o sulle TIC, a seconda dei diversi paesi coinvolti.

  • Sono già state formate 40 startup tunisine

L’Innova Lab for Tunisia giunge quest’anno alla sua terza edizione, dopo aver formato con successo 40 startup tunisine durante le sessioni precedenti. Come negli anni precedenti, il format di questa edizione ha seguito le seguenti fasi: collaborazione con il Ministero della Tecnologia e delle Comunicazioni, Smart Capital e l’Associazione Tunisina delle Startup per la predisposizione del bando di selezione; Collaborazione e supporto nella diffusione del bando attraverso specifici poli tecnologici locali, individuati sulla base dei settori selezionati per l’edizione 2023 dei Tunisian Smart Tech Parks – El Ghazala (Tunisia) e Renewal City (Sousse) con focus su Agrotecnologie e GreenTech, Medtech, ICT, Big Data, Fintech, Blockchain, Internet of Things (IoT), Cyber ​​Security, Intelligenza Artificiale (AI), Mobilità.

La fase di selezione ha visto la candidatura di 51 startup tunisine, di cui 22 partecipanti sono state selezionate in fase di screening.

La fase del semestre autunnale sarà seguita da un viaggio di studio in Italia presso centri tecnologici, startup e incubatori italiani, che si svolgerà nella regione Emilia-Romagna e sarà poi seguito dalla consueta partecipazione della delegazione tunisina al centro. L’evento italiano SMAU, fiera visitata da 50.000 visitatori ogni anno, da oltre 50 anni sostiene aziende e professionisti dell’intero sistema dell’innovazione: start-up, incubatori, acceleratori, partner tecnologici e pubbliche amministrazioni, seguendo le dinamiche dell’innovazione .

READ  Il diritto del mare: risultati e prospettive della Convenzione di Montego Bay a Roma | Gabonreview.com

L’Ambasciatore Fabrizio Saggio ha aperto i lavori dell’edizione 2023 il 12 giugno in Tunisia con Sami Ghazali, rappresentante del Ministero delle Tecnologie e delle Comunicazioni, Direttore Generale Economia Digitale, Investimenti e Statistica e Direttore dell’Agenzia ICE in Tunisia Francesca Tango.

Nel rilevare che l’Italia è il primo partner commerciale della Tunisia, l’Ambasciatore Saggio ha sottolineato che “lo sviluppo tecnologico e il settore ICT sono due ambiti nei quali la cooperazione italo-tunisina ha enormi margini di sviluppo. Per questo il sistema Italia punta, da anni, a promuovere e sostenere il settore delle startup in questo Paese, con l’obiettivo di creare sinergie nell’ambito di un sostegno a 360 gradi, costantemente garantito dal governo italiano.A tal fine, l’Italia organizzerà in autunno un business forum italo-tunisino per rafforzare ulteriormente la cooperazione bilaterale cooperazione economica” (fonte dati ISTAT).

  • Un viaggio di formazione in Italia è fondamentale quest’estate

Tunisia e Italia condividono oggi una visione strategica comune in materia di sviluppo tecnologico e ICT, come chiave di sviluppo del sistema Paese: l’Italia, nell’ambito del percorso di sostegno allo start-up avviato nel 2012, ha raggiunto il numero di oltre 13.480 italiani startup iscritte nella sezione dedicata Per la cronaca, imprese sostenute da un articolato sistema di agevolazioni fiscali, finanziamenti agevolati, crowdfunding, servizi di internazionalizzazione e supporto all’estero: esperienze complesse e competenze importanti, che l’Italia vorrebbe condividere con la Tunisia mettendo a disposizione competenze e strumenti per affrontare al meglio le sfide dei mercati internazionali.

Nel 2018 la Tunisia ha avviato un ambizioso progetto dedicato alle startup attraverso le misure contenute nella Legge Startup, misure inserite nel Piano Strategico Nazionale Tunisia Digitale 2016-2021, rinnovato nel piano 2021-2025, con l’obiettivo di sostenere le startup tunisine, ma più in generale per favorire i giovani talenti, la crescita economica del Paese e per fare della Tunisia un vero polo di innovazione per l’intero continente africano. La legge startup ha consentito alla Tunisia di raggiungere in pochi anni l’obiettivo di circa 900 brevetti depositati.

READ  Dr. Laurent Schalard // Geografo e consigliere: "L'Algeria può diventare l'officina dell'Europa"

Lo ha dichiarato Francesca Tango, responsabile dell’ufficio tunisino dell’Agenzia per il commercio internazionale.

La formazione riveste un ruolo sempre più strategico nella vita professionale di ognuno di noi: la formazione pensata da ICE AGENZIA e destinata ai manager del settore startup tunisino vuole dare l’opportunità di creare un benefico aumento di forza sui temi sostanziali, che sono focalizzati Sopra. Tutto ciò che riguarda le attività di comunicazione del proprio progetto innovativo, la predisposizione di promozioni, digital marketing, analytics, social network aziendali, tutela e promozione della proprietà intellettuale, con l’obiettivo di consentire una comunicazione efficace e un adeguato aggiornamento professionale, quale punto di partenza per il rafforzamento collaborazione e sinergia tra diverse competenze con aziende locali ed estere, nella ricerca di soluzioni innovative.

La sessione ha riscosso molto successo in termini di partecipazione delle startup e del programma proposto. La formazione dovrebbe continuare online e quest’estate i nuovi arrivati ​​saranno invitati a fare un viaggio e ad allenarsi in Italia, secondo gli organizzatori.

– annuncio-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *