Papa Francesco esorta i cattolici italiani a tenere il sinodo nazionale

Durante un incontro con i catechisti italiani alla fine di gennaio, Papa Francesco ha nuovamente esortato la Chiesa in Italia a organizzare un sinodo nazionale. Se i vescovi sono sembrati finora riluttanti a fare un passo del genere, questa volta questa chiamata potrebbe essere ascoltata.

Molto attaccato al processo sinodale a livello universale, Papa Francesco incoraggia i cattolici a organizzare tali processi a livello locale. E tra i paesi che secondo lui dovrebbero tenere un sinodo nazionale, l’Italia occupa un posto di rilievo. Se aveva già accennato a questa possibilità negli ultimi anni, papa Francesco si è fatto più pressante alla fine di gennaio quando ha ricevuto in udienza in Vaticano i partecipanti a un incontro organizzato dal servizio catechistico nazionale della Conferenza episcopale italiana (Cei).

“La Chiesa italiana (…) deve avviare un processo di sinodo nazionale, comunità per comunità, diocesi per diocesi”, ha esortato davanti a questa udienza tra cui molti sacerdoti, vescovi e cardinali.” È tempo, [il faut] inizia a camminare “, ha insistito di nuovo. Per il Papa, questo sinodo italiano deve essere parte della continuità dei congressi ecclesiali nazionali, organizzati una volta ogni dieci anni. L’ultima edizione si è svolta a Firenze, nel 2015.

“Non si può fare un grande sinodo senza andare alla base”

Già lì Papa Francesco aveva suggerito di andare verso un evento del genere. ” Permettetemi solo di lasciarvi un’indicazione per i prossimi anni: in ogni comunità, in ogni parrocchia e istituzione, in ogni diocesi e circoscrizione, in ogni regione, cercate di iniziare, in modo sinodale, un approfondimento dell’Evangelii gaudium ”, aveva così esortato, dando la sua prima esortazione apostolica come guida in questo cammino. Nel maggio 2019, davanti ai vescovi della CSI riuniti in assemblea plenaria, il Papa ha nuovamente suggerito di organizzare un sinodo nazionale invitando “Dalle diocesi “, auto “Non si può avere un grande sinodo senza andare alla base”.

Finora, le richieste di Papa Francesco per un sinodo italiano non si sono concretizzate, con i vescovi italiani che sembrano relativamente riluttanti ad avviare un simile processo. Tuttavia, il suo ultimo intervento, davanti ai catechisti della CEI, potrebbe avere un impatto maggiore, soprattutto perché è stato ampiamente trattato dai media italiani.

READ  Foot - Italia - Serie A: il Milan domina il Genoa e consolida il secondo posto

Il sinodo del 2022

In un editoriale pubblicato mercoledì 3 febbraio suPer venire su – Un quotidiano dipendente dai vescovi italiani – Il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, dà una prima risposta. Se non usa mai la parola stessa “sinodo”, ritiene che la Chiesa in Italia debba essere fondata. ” in movimento ” perché i cattolici lo sono “Chiamati a una nuova responsabilità, a vivere con una mente aperta e una gioia che si rinnova e si comunica”. ” Ora è il momento di iniziare questo processo dal basso verso l’alto e dall’alto verso il basso, con la partecipazione di tutto il popolo di Dio e, in particolare, dei laici “, riconosce colui che è anche Arcivescovo di Perugia.

Se, come in Italia, voci chiedono un sinodo nazionale in Francia o in Spagna, solo la Germania ha veramente intrapreso un grande processo sinodale in Europa, coinvolgendo in gran parte i laici. L’organizzazione a Roma nell’ottobre 2022 di un sinodo sulla sinodalità dovrebbe tuttavia essere un nuovo stimolo per replicare il modello a livello nazionale.

Xavier Le Normand

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *