La situazione economica: quando i paesi del sud dell’Unione Europea avanzano sui “falchi” del nord

La situazione economica: quando i paesi del sud dell’Unione Europea avanzano sui “falchi” del nord

Le previsioni di crescita della ricchezza nazionale dell’OCSE per il 2023 collocano, per una volta, Italia, Spagna e Grecia davanti a Svezia, Germania e Paesi Bassi. Gli ultimi due, che sostengono l’austerità di bilancio, sono entrati ufficialmente in recessione alla fine di giugno. Questi paesi sono stati i più colpiti dall’aumento dei prezzi dell’energia, ma hanno anche sofferto della loro forte dipendenza dalle esportazioni, minata dal rallentamento del motore cinese. Le economie dell’Italia e della penisola iberica, meno esposte a questi sviluppi, stanno sfruttando appieno gli aiuti europei e le riforme attuate per rafforzare le finanze pubbliche.

Dovremmo concludere che i falchi, fautori del monetarismo e della dottrina di bilancio in contrapposizione alle colombe, più lassiste e indebitate, sono i “malati” del Vecchio Continente? Gli economisti avvertono che la risposta non è chiara. Se si rendono conto che oggi il vantaggio risiede maggiormente nei paesi del Sud, rimangono cauti riguardo alla questione se sia ciclico o strutturale. O entrambi.

Sei interessato a questo articolo?

Non perdere nessuno dei nostri contenuti quotidiani: iscriviti ora da 9.- Franchi svizzeri Il tuo primo mese di accesso a tutti i nostri articoli, file e analisi.

Controlla le offerte

Buoni motivi per abbonarsi a Le Temps:

  • Consulta tutti i contenuti illimitati sul sito web e sulle applicazioni mobili

  • È possibile accedere alla copia cartacea con quella digitale entro le ore 7.00.

  • Approfitta dei privilegi esclusivi riservati agli abbonati

  • Accedi agli archivi

READ  Il premier italiano rinnova l'invito a Micici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *