La NASA ha registrato un forte brillamento solare

La nostra stella ha registrato il suo picco di attività il 3 maggio, la seconda in una settimana e la terza eruzione più forte dell’anno.

L’esplosione, vista in basso a sinistra, è avvenuta il 3 maggio alle 15:25 CST.

Nasa

Il 3 maggio il Solar Dynamics Observatory della NASA, che scansiona costantemente la nostra stella, ha registrato un forte bagliore solare. Ciò è accaduto alle 13:25 GMT (15:25 in Svizzera) e l’intensità era X1.1. I brillamenti solari sono classificati nei gradi A, B, C, M e X, con ogni livello dieci volte l’intensità del precedente. I numeri corrispondono alla forza dell’eruzione.

secondo Scienza dal vivoE Questa è la seconda volta in una settimana che il sole vede un’eruzione di questa intensità. E che il 3 maggio è la terza versione più forte dell’anno, dopo X2.2 valutato il 19 aprile e X1.3 il 30 marzo.

Non c’è pericolo per l’uomo

La NASA spiega che i brillamenti solari sono grandi esplosioni di radiazioni elettromagnetiche che durano da minuti a ore. Questa improvvisa esplosione viaggia alla velocità della luce, quindi qualsiasi impatto sul lato illuminato dal sole dell’atmosfera esterna esposta della Terra si verifica nello stesso momento in cui l’evento viene osservato e questi raggi X e raggi ultravioletti ionizzano gli strati inferiori. La ionosfera sul lato soleggiato della Terra. Non può influenzare fisicamente gli esseri umani, ma può interrompere le nostre comunicazioni e i segnali GPS.

L’attività solare, che oscilla in un ciclo di 11 anni, è particolarmente forte in questi giorni, con macchie solari quasi due volte più probabili del previsto. Questo dovrebbe continuare ad aumentare fino al picco previsto nel 2025, con le conseguenze dell’aurora boreale che appariranno particolarmente più a sud del solito.

READ  Qualcosa di strano sta accadendo con la sonda interstellare Voyager 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.