Censura nelle università: il tempo delle storie è finito

(In risposta al La cronaca di Riccardo Martino)

In un testo pubblicato il 30 aprile, Richard Martineau ha scritto del cosiddetto movimento “sveglia”. Riferendosi alla questione della censura nelle università, tra l’altro, ha chiesto di quanti aneddoti abbiamo bisogno per rendersi finalmente conto che la situazione è problematica.

Le storie riportate da giornali e altri media sono già tante. A questi si aggiungono gli oggetti che il nostro team di ricerca è stato in grado di raccogliere; Da quasi 8 mesi, infatti, stiamo conducendo uno studio, tuttora in corso, sul tema della censura tra gli studenti universitari.

La tua opinione
Siamo interessati.

Hai un’opinione da condividere? Un testo tra le 300 e le 600 parole che vorresti inviarci?

Questo in particolare ci ha permesso di raccogliere molti commenti che indicano che il dibattito e la diversità di punti di vista è difficile, se non impossibile, in alcune amministrazioni. Gli studenti hanno paura di condividere il loro punto di vista. È difficile avere conversazioni calme e logiche. Coloro che offrono opinioni critiche o mettono in discussione gli eccessi del movimento per la giustizia sociale, anche per scopi costruttivi, possono essere esposti all’umiliazione pubblica da parte di alcuni professori e studenti.

Che gli studenti abbiano paura di parlare apertamente, paura di essere chiamati suprematisti bianchi o transgender quando questo non è affatto il loro punto di vista, o di essere revocati o negati borse di studio o studi universitari. Abbiamo osservato questi fenomeni noi stessi nei nostri programmi.

  • Ascolta l’intervista di Richard Martineau con Gina Cormier, Studentessa di Master e coordinatrice della ricerca, Dipartimento di Psicologia dell’Educazione e Counseling presso la McGill University su QUB Radio:
READ  TWIRL 3: Rocket Lab per provare a lanciare la missione ritardata


Ma non era più tempo di favole. Il Comitato per la libertà accademica ha riferito in precedenza, con il suo sondaggio su quasi 1.000 studenti, che il 28% degli intervistati si è autocensurato nell’ambito dei propri studi universitari e che lo stesso numero ha subito l’autocensura degli insegnanti.

Secondo i dati che siamo stati in grado di raccogliere finora da più di 2.000 studenti canadesi, inclusi circa 1.350 studenti in Quebec, la situazione potrebbe effettivamente essere peggiore.

In effetti, quasi uno studente su due si era guardato mentre discuteva con professori o altri studenti. Quando hanno osato parlare, 1 su 5 ha affermato di essere stato censurato da altri. Uno studente su cinque descrive il proprio dipartimento come ostile alle proprie posizioni ideologiche o politiche.

Quasi il 40% degli studenti ha affermato di sentirsi a disagio nel discutere argomenti potenzialmente controversi relativi alla sessualità e all’identità di genere. Questa percentuale sale al 50% per argomenti relativi a politica, religione e questioni razziali. Inoltre, uno studente su quattro è riluttante ad affrontare o porre domande sulle politiche dell’università in materia di equità, diversità e inclusione (EDI). Le ragioni addotte per questo variano. Il 75% è in qualche modo preoccupato che altri studenti descrivano le loro opinioni come “offensive” e il 50% è preoccupato che verranno denunciati in base ad alcune politiche universitarie.

Inoltre, circa 1 studente su 5 teme che la propria reputazione venga danneggiata se le loro opinioni politiche sono note, o se sono note le loro opinioni su questioni relative al programma di e-learning, all’identità di genere o alla giustizia sociale. Ancora più preoccupante, solo uno studente su cinque è pienamente fiducioso che l’università difenderà il proprio diritto a parlare.

READ  Il paradosso del cielo rosso si spiega con la mancanza di pianeti e stelle adatti

I dati parlano da soli. Tuttavia, la smentita continua, illustrando come alcuni si rifiutino costantemente di mettere in discussione le loro opinioni e cerchino invece argomenti per convincere gli altri a unirsi alla loro causa. Quindi lavorano a ritroso, dalla conclusione, alla convinzione, e quindi cercano di trovare argomenti e presunti fatti che supportano il loro caso mentre negano quelli che contraddicono le loro impressioni.

Così, la risposta alla domanda posta da Richard Martineau: “Quanti racconti ci vogliono?” – Non si può essere più semplici: non basta mai, quando si crede di aver già compreso/compreso il tutto o quando si continua a negare l’evidenza perché non conforme alle nostre convinzioni.

Gina Cormier, Helen Tay, Alex Wong-Min, Yangelen Gu, Ayse Turkoglu, studenti di psicologia alla McGill University

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.