La fine della dipendenza degli Stati dal “denaro facile” sarà dolorosa

Deflazione – Di fronte alla crisi, la politica di aggiustamento della Banca Centrale Europea, rilanciata prima della crisi Covid, nell’autunno del 2019, non è stata senza fine.

La Banca centrale europea ha salvato l’economia europea dal disastro al culmine della crisi. E ancora? Mentre l’arrivo dei vaccini alimenta la speranza di vedere la fine del tunnel, l’uscita dalla crisi non sarà meno difficile. I paesi, molti dei quali superano i debiti, sono abituati ai “soldi facili” di Francoforte che finanzia i loro deficit. La certezza che la Banca Centrale Europea riacquisterà la maggior parte delle emissioni obbligazionarie ha allentato le tensioni sui tassi di interesse ai minimi storici. Il Portogallo e l’Italia stanno attualmente indebitandosi vicino allo 0%, e Grecia e Spagna non sono lontane da questo. I paesi della zona euro quest’anno hanno contratto circa 1.500 miliardi di euro di nuovo debito. Il suo debito è in media pari alla ricchezza totale prodotta in un anno nella zona euro. A maggior ragione per i paesi “meridionali”, tra cui Francia (120%) o Italia (160%).

Il ministro dell’Economia, Bruno Le Maire, era rappresentato da molti leader

Questo articolo è solo per gli abbonati. Hai ancora il 78% da scoprire.

Abbonamento: 1 € per il primo mese

Può essere cancellato in qualsiasi momento

Già iscritto? registrati

READ  "In Italia aumenta la diffusione del delta coronavirus"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *