In Italia è aperta la ricerca delle zone bianche

L’ultima volta che un cliente ha provato a pagare con la propria carta di credito presso la drogheria Anna Rita Bunni a Colle di Tora, un paesino vicino Roma, è diventato un po ‘imbarazzante.

“Abbiamo dovuto aspettare un quarto d’ora perché il lettore di schede funzionasse … Durante questo periodo siamo rimasti lì a fissarci”, ha detto ad AFP.

Il suo card reader funziona con il wifi, ma Colle di Tora è una delle città meno collegate in Italia, un Paese digitalmente in ritardo rispetto al resto dell’Unione Europea.

Colmare questo divario è una priorità per il premier Mario Draghi, che vuole rilanciare l’economia italiana sconvolta dal Coronavirus attraverso investimenti finanziati dall’Unione Europea.

Lunedì, Draghi presenterà al Parlamento il suo piano quinquennale per spendere circa 200 miliardi di euro in prestiti non rimborsabili e aiuti dal Fondo europeo per la ricostruzione.

Per l’Italia, gran parte della sfida sta nel collegare luoghi come Colle di Tora, non proprio isolati dal mondo moderno, ma un po ‘in ritardo.

Veduta generale del borgo medievale dei Colli de Tora, sulle rive del Lago del Turano, a circa 80 km da Roma, 21 aprile 2021 (Agence France-Presse – Alves Armellini)

A circa 80 chilometri a nord est di Roma, questo borgo medievale è una località turistica situata sul bordo di un lago, vicino a cascate, foreste e riserve naturali.

“La situazione qui è corretta, ma se devi inviare un’e-mail pesante, potrebbero volerci pochi minuti invece di pochi secondi”, ha detto il sindaco Benjaminu Pandolfi.

– Il tempo taglia la linea –

Colle di Tora è nella lista dei 200 comuni in cui verrà implementata la banda larga in fibra ottica sovvenzionata dallo Stato.

READ  A 261 morti per COVID-19 entro 24 ore

Questa settimana, i lavoratori hanno posato i cavi in ​​uno dei suoi cantieri, assicurando che Internet ad alta velocità dovrebbe essere pronto entro la fine dell’anno. “Lo accoglieremo a braccia aperte”, si è davvero rallegrato il sindaco.

Attualmente, l’ufficio postale – su cui 360 abitanti del villaggio si affidano per ritirare contanti in assenza di una banca – a volte deve chiudere i battenti perché Internet non funziona.

Il maltempo può disabilitare il segnale, che è un problema anche per i telefoni cellulari e la televisione.

Benjamino Pandolfi, sindaco di Colli di Tora, a nordest di Roma, davanti al Municipio, 21 aprile 2021 (AFP - Alvise ARMELLINI)

Benjamino Pandolfi, sindaco di Colli di Tora, a nordest di Roma, davanti al Municipio, 21 aprile 2021 (AFP – Alvise ARMELLINI)

Questi anelli deboli sono diventati un problema più serio con la pandemia, che ha costretto le persone a trascorrere mesi in casa.

Simona Cardella, proprietaria di una lavanderia, dice che sua figlia adolescente ha faticato a prendere lezioni online quando le scuole erano chiuse.

“A volte l’audio viene interrotto, a volte il video viene interrotto e, se il tempo è brutto, il segnale scompare del tutto”, afferma.

Cardilla ha detto che sua figlia a volte non era in grado di scaricare il software o caricare i suoi compiti, ed è passata a “prendere lezioni tramite WhatsApp”.

– Italia adesso –

Il governo vuole che ogni italiano abbia accesso a Internet ad alta velocità entro il 2026, ma c’è ancora molta strada da fare.

Quasi un quarto degli italiani non usa internet e un terzo delle famiglie non ha il collegamento domestico, secondo i dati diffusi il mese scorso dall’Istituto nazionale di statistica (Istat).

Allo stesso tempo, solo il 30% delle famiglie ha avuto accesso alla banda larga di ultima generazione nel 2019, un dato comunque in aumento di 6,1 punti rispetto all’anno precedente.

READ  Il Sud Europa è in fiamme

Nell’ultimo indice della società e dell’economia digitali (DESI) (2020) della Commissione europea, l’Italia si è classificata al 25 ° posto: solo Bulgaria, Grecia e Romania hanno ottenuto risultati peggiori.

Benjamino Pandolfi, sindaco di Colli di Tora, a nordest di Roma, davanti al Municipio, 21 aprile 2021 (AFP - Alvise ARMELLINI)

Benjamino Pandolfi, sindaco di Colli di Tora, a nordest di Roma, davanti al Municipio, 21 aprile 2021 (AFP – Alvise ARMELLINI)

Il sindaco di Colle di Tora osserva che avere accesso alla banda larga di ultima generazione in zone isolate come il suo comune può renderle luoghi attraenti in cui lavorare da remoto. Per quanto riguarda gli altri residenti, sarebbe semplicemente consentito entrare nel 21 ° secolo.

Nicholas, il figlio di 22 anni del droghiere, è un appassionato giocatore, ma si lamenta del fatto che a volte ci vogliono “dai quattro ai cinque giorni” per scaricare un gioco sulla sua PlayStation che i suoi amici a Roma ottengono in pochi minuti. Ore.

“Non che non possa farne a meno, ma se (Internet) andasse un po ‘meglio, andrebbe bene”, osserva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *