Il lancio del volo di prova Starliner inizia entro e non oltre il 2 aprile – Spaceflight Now

L’unità dell’equipaggio del Boeing Starliner è stata sollevata tramite l’equipaggio commerciale e l’impianto di carico presso il Kennedy Space Center della NASA in Florida il 14 gennaio 2021, per essere accoppiata con il modulo di servizio. Credito: Boeing / John Profres

Il lancio del prossimo volo di prova della capsula dell’equipaggio Starliner della Boeing è stato ritardato fino al 2 aprile dopo che i lavoratori hanno sostituito le unità avioniche nei veicoli spaziali danneggiati durante i test.

La seconda missione di test di volo orbitale di Boeing, o OFT-2, verificherà che la navicella Starliner sia pronta a portare gli astronauti in orbita per la prima volta entro la fine dell’anno.

In una dichiarazione del 17 febbraio, Boeing e la NASA hanno affermato che il lancio della missione OFT-2 è stato riprogrammato dal 25 marzo a non oltre il 2 aprile. Il ritardo di otto giorni è stato causato da un aumento della potenza durante le ispezioni finali del veicolo spaziale presso il Kennedy Space Center in Florida.

Boeing ha detto che i tecnici hanno sostituito le unità avioniche che sono state colpite dall’impennata. “Continuiamo a garantire la sicurezza dei nostri prodotti per veicoli spaziali e ad affrontare eventuali problemi emergenti in modo tempestivo”.

E la NASA ha affermato che l’aumento della capacità è il risultato di “un problema con la configurazione delle apparecchiature di supporto a terra”.

Il mese scorso, i team all’interno della Kennedy Commercial Crew Equip and Shipping Facility hanno accoppiato l’equipaggio e l’unità di servizio di Starliner. L’intero veicolo spaziale è stato recentemente trasportato in un’altra area della struttura per ricevere il suo carico utile di carburante pericoloso.

I motori di propulsione Starliner consumano una miscela tossica di idrazina e ossido di azoto per le manovre nello spazio. I motori a capsula interrotti utilizzano la stessa combinazione di risparmio di carburante.

Boeing ha detto che è pronta a provare la missione con hardware volante Starliner e software di volo. Test approfonditi simuleranno la missione dello Starliner dal lancio all’attracco con la Stazione Spaziale Internazionale e, dall’atterraggio all’atterraggio, una prova Boeing non ha avuto luogo prima del primo volo di prova orbitale di Starliner nel 2019.

READ  Perché gli scienziati vogliono che i minuti durino 59 secondi

La missione OFT-2 è una ripetizione del volo di prova di Boeing OFT-1 nel dicembre 2019. Problemi software sulla missione OFT-1 hanno impedito alla navicella Starliner di attraccare con la stazione spaziale, provocando un atterraggio prematuro sotto i paracadute a White Sands Space Harbor , Nuovo Messico.

“La NASA continua a lavorare al fianco di Boeing per prepararsi a questa prima missione nel 2021”, ha dichiarato Steve Stitch, direttore del programma dell’equipaggio commerciale della NASA, in una dichiarazione. “Il lavoro di squadra tra Boeing e la NASA in tutti gli aspetti della preparazione del volo, inclusa la certificazione finale, l’analisi dei rischi e il test del software è eccezionale. Anche se il test del volo senza pilota verso la Stazione Spaziale Internazionale è una pietra miliare sulla rotta verso la prima missione con equipaggio Starliner pianificata. Entro la fine dell’anno voleremo quando saremo pronti “.

Gli ingegneri hanno esaminato circa il 95% delle raccomandazioni identificate dal team di revisione congiunto NASA-Boeing che ha studiato i problemi che affliggono la missione OFT-1.

“Apprezziamo l’importante lavoro che la NASA sta facendo prima del lancio”, ha affermato John Vollmer, Vicepresidente di Starliner e Direttore del programma di Boeing. “Siamo pienamente coinvolti nel processo di revisione dell’agenzia per garantire la fiducia nel veicolo spaziale”.

Boeing ha detto all’inizio di questo mese Che gli ingegneri avessero completato un “retrofit” del programma Starliner, aprendo la strada alle prove complete che dovrebbero iniziare presto.

La navicella Starliner è una delle due nuove capsule dell’equipaggio progettate per trasportare gli astronauti da e verso la stazione spaziale. La capsula SpaceX Crew Dragon ha volato con gli astronauti per la prima volta lo scorso maggio, ma i problemi del software Boeing hanno ritardato il programma Starliner di oltre un anno.

READ  Ecco uno sguardo al 50 ° anniversario della missione lunare Apollo 14 - Press Telegram

La NASA ha stipulato un contratto con Boeing e SpaceX per sviluppare le nuove capsule dell’equipaggio, ponendo fine alla dipendenza degli Stati Uniti dalla navicella spaziale russa Soyuz per i servizi di trasporto degli astronauti.

Supponendo che il volo di prova OFT-2 della durata di una settimana sia andato bene, Boeing spera di lanciare il primo test di volo dell’equipaggio Starliner con un equipaggio di tre il prima possibile a settembre. I tre astronauti rimarranno sulla stazione spaziale, poiché dovrebbero trascorrere una o due settimane prima di tornare sulla Terra.

Dopo il test di volo dell’equipaggio, la NASA certificherà lo Starliner per volare le sue missioni operative di rotazione dell’equipaggio verso la stazione spaziale. Boeing stipula contratti con la NASA per almeno sei di questi, ciascuno con quattro astronauti e dura fino a sette mesi.

Una volta che la navicella Starliner sarà rifornita di carburante, Boeing trasporterà la capsula al Vertical Integration Facility della United Launch Alliance presso la Cape Canaveral Space Force Station. Lì, le gru solleveranno la navicella sul veicolo di lancio Atlas 5 il prossimo mese, due settimane prima della data di lancio prevista per il 2 aprile.

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora un Tweet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *