Esiliati: predoni solidali di ecologisti isroidi eletti

INFO FLASH – Gwendoline Delbos-Corfield, eurodeputata, e Guillaume Gontard, senatore dell’Isère, si sono incontrati al confine franco-italiano del Monginevro questo fine settimana dal 19 al 20 febbraio 2021. I parlamentari ambientali si esibiscono “ predoni solidali »Per sostenere esuli e volontari in loco e incontrare attori locali e italiani.

Prendono così il posto dei parlamentari ecologisti che stanno già prendendo il sopravvento dal 29 gennaio a fine marzo. L’obiettivo. il gol del processo su iniziativa di Damien Carême, eurodeputato del gruppo Verdi – Alleanza libera europea (ALE)? Accogliere gli esiliati ” costretto prendere rischi sproporzionati “, Tanto quanto denunciare” una situazione sempre più tesa al confine “.

Esiliati: predoni solidali di parlamentari ecologisti. L'immagine di predoni solidali di ecologisti eletti.  © Damien Carême

La visuale del saccheggio di solidarietà degli ambientalisti eletti. © Damien Carême

Questo soprattutto dallo scorso 16 novembre, data in cui ” il numero della polizia aerea e di frontiera (PAF) è stato aumentato », Specificare i due parlamentari. Con le principali conseguenze ” l’aumento delle violazioni dei diritti umani e dei respingimenti degli esiliati “. Senza dimenticare, nelle ultime settimane, ” pressioni della polizia e della giustizia sui volontari »Presenti sul sito.

“Donne, bambini e uomini arrivano lì perché non hanno altra scelta”

Così, gli ecologisti eletti al Parlamento europeo e al Senato, ma anche altri, uniti, si impegnano a compiere, ogni fine settimana, predoni al fianco dei volontari impegnati sul campo.

Eric Piolle, sindaco di Grenoble che appare sui social network, in solidarietà con gli esiliati.  DR

Anche Eric Piolle, sindaco di Grenoble, aveva mostrato la sua solidarietà agli esiliati. DR

Di fronte alla copertura mediatica delle azioni di odio di poche identità, i rappresentanti eletti di solidarietà desiderano ricordare che la montagna, la Francia, è anche solidarietà e fraternità », Spiega Damien Carême. ” Al confine […] i volontari si prendono cura, accolgono e circondano […] donne, bambini, uomini che arrivano lì perché non avevano altra scelta “, Aggiunge.

READ  Diego Armando Maradona, affronta la polizia a Buenos Aires. L'idea del funerale campione già stasera - Corriere.it

Per Damien Carême e tutti i predoni volontari eletti, non c’è dubbio che lo Stato sia responsabile di questa situazione. “ Militarizzando il confine e criminalizzando la solidarietà, lo Stato francese deve assumersi le proprie responsabilità e fermare questi modi di fare le cose illegali, illegittimi, pericolosi e barbari. Questo è anche ciò che i rappresentanti eletti in solidarietà trasmetteranno a ciascuno dei predoni “, essi sostengono.

JK

1 Compreso Tutti i migranti e di Medici del mondo

Credito agricolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *