Dimenticata da World Athletics, l’Italia grida allo scandalo

La lunga litania di premi e riconoscimenti di fine anno è appena iniziata nel movimento olimpico, ma è già segnata da polemiche. Lei viene dall’Italia.

Il Comitato Olimpico Italiano (CONI) non ha apprezzato l’assenza dei suoi due campioni olimpici di atletica leggera dalla lista dei candidati al titolo di Atleta Maschile dell’Anno, pubblicata da World Athletics. Lo ha detto il suo presidente, Govanni Malago, senza trattenere le parole. Grida allo scandalo ed evoca un “mancanza di rispetto“.

Lo scorso fine settimana, World Athletics ha annunciato in un comunicato stampa i dieci nominati per uno dei suoi premi più ambiti dell’anno. Dieci atleti si sfideranno nelle prossime settimane per il Trofeo Atleta Maschile per l’annata 2021: l’ugandese Joshua Cheptegei (5.000 e 10.000 m), l’americano Ryan Crouser (peso), lo svedese Mondo Duplantis (salto con l’asta), il norvegese Jakob Ingebrigtsen (1.500 m ), il keniano Eliud Kipchoge (maratona), il portoghese Pedro Pichardo (salto triplo), lo svedese Daniel Stahl (disco), il greco Miltiadis Tentoglou (lunghezza), il canadese Damian Warner (decathlon), il norvegese Karsten Warholm (400m ostacoli ).

A prima vista, niente di cui lamentarsi. Il casting non rivela alcun difetto di gusto. Si distingue persino come uno dei più ricchi degli ultimi anni. I dieci nominati sono almeno tutti campioni olimpici ai Giochi di Tokyo. La maggior parte ha anche vinto la classifica generale della Diamond League nella propria disciplina. Due di loro, Ryan Crouser e Karsten Warholm, hanno aggiunto un record mondiale.

Ma gli italiani se ne sono accorti e hanno notato: alla chiamata mancano Lamont Marcell Jacobs e Gianfranco Tamberi (nella foto in alto, da sinistra a destra). Il velocista e il saltatore in alto hanno vinto l’oro ai Giochi di Tokyo. Hanno contribuito, insieme ai camminatori Massimo Stano e Antonella Palmasino, alla fenomenale e altamente improbabile raccolta olimpica italiana: cinque medaglie, tutte d’oro. Bluffare.

READ  Morte l'eroe italiano dei Mondiali 82, Paolo Rossi

Non c’è nulla di scandaloso nell’assenza di Gianfranco Tamberi. L’italiano ha condiviso la vittoria nella finale di salto in alto con il Qatar Mutaz Essa Barshim. Anche il suo avversario non è tra i nominati scelti da World Athletics.

D’altra parte, l’omissione delle domande di Lamont Marcell Jacobs. Ai Giochi di Tokyo, l’italiano ha creato la sorpresa più clamorosa degli eventi di atletica leggera, vincendo la medaglia d’oro nei 100 metri. Ha raddoppiato la fine della competizione vincendo il titolo olimpico nella 4×100 m. Il suo tempo nella finale dei 100 m, 9 sec 80, lo ha reso il campione olimpico più veloce della storia sulla distanza, con l’eccezione del giamaicano Usain Bolt.

Per Giovanni Malago, World Athletics ha sbagliato “dimenticando” Lamont Marcell Jacobs. “Queste due omissioni costituiscono una mancanza di rispetto nei confronti dei nostri atleti, ha suggerito il presidente del CONI, anche membro del Cio e presidente del comitato organizzatore dei Giochi invernali Milano-Cortina 2026. Questa decisione è profondamente sbagliata. Siamo molto arrabbiati per questo“.

I nominati per i Trofei mondiali di atletica leggera dell’anno sono selezionati da una giuria internazionale di esperti delle confederazioni continentali. Un voto che coinvolgerà il Consiglio di istanza, la “famiglia” dell’atletica e il pubblico determinerà i tre finalisti. È appena iniziato. L’atleta maschile dell’anno sarà annunciato al World Athletics Gala a dicembre.

Sebastian Coe, il presidente dell’ente, ha difeso a modo suo la scelta della sua giuria di esperti. “I trofei annuali del mondo di atletica leggera continuano a riconoscere gli atleti che si sono esibiti ai massimi livelli durante tutto l’anno, tenendo conto non solo delle Olimpiadi, ma anche dei circuiti di incontri di un giorno.“, ha spiegato il britannico.

READ  POL-HA: Bilancia: i tifosi italiani festeggiano serenamente dopo la vittoria finale del Campionato Europeo

Certamente, Lamont Marcell Jacobs è stato discreto nella Diamond League. Ha annunciato la fine della sua stagione poco dopo i Giochi di Tokyo, spiegando di aver subito un infortunio al ginocchio e di aver rinunciato al redditizio round di incontri post-Games. Ma l’italiano ha vinto il titolo europeo indoor nei 60 metri lo scorso marzo, a riprova di non essere stato l’uomo di una sola gara.

Scegliendo di rimuoverlo dalla lista dei nominati, World Athletics ha voluto manifestare i suoi dubbi sulla credibilità della sua fulminea progressione? L’Associazione Europea di Atletica Leggera (EA) non ha avuto gli stessi stati d’animo. Ha recentemente assegnato i suoi trofei per l’anno 2021. Nella categoria maschile, l’ente continentale ha nominato il norvegese Karsten Warholm, davanti allo svedese Armand Duplantis… e Lamont Marcell Jacobs.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *