Come gli svizzeri abbattono le grandi nazioni

Cos’è questa Svizzera che, nel 2019, ha liberato i Devils dalla Nations League? In quattro mesi e mezzo, ha eliminato il campione del mondo dall’Euro e ha rimandato il campione europeo alle dighe spietate. Ha anche dovuto cambiare allenatore lungo la strada.


Articolo riservato agli abbonati

Tempo di lettura: 5 min

EDopo aver espulso la Bulgaria per 4-0 lunedì sera, la Svizzera si è qualificata per il quinto Mondiale consecutivo. Più in generale, questa è la nona volta su dieci che la “Nati” è riuscita a convalidare il suo biglietto per un torneo importante. Come sarebbe improprio evocare un altro miracolo, stavolta lucernese, sarebbe troppo restrittivo attribuire questi due exploit consecutivi alle parate di Yann Sommer, suo portiere del “Gladbach”, – in particolare sul tiro in porta di Mbappé a Bucarest negli ottavi di finale di Euro oa Basilea contro l’Italia lo scorso settembre nell’ambito di queste qualificazioni. Oppure i due rigori sbagliati da Jorginho, sia all’“andata” di queste qualificazioni che al “ritorno” venerdì scorso a Roma.


Questo articolo è solo per gli abbonati

Scopri di più, 1 € per 1 mese
(senza impegno)

ne approfitto

READ  Italia, Spagna, Germania, colossi nella ricostruzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *